In Lombardia Comitato cure primarie per linee guida annuali su cronici

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 9 mag. (Adnkronos Salute) - La Regione Lombardia, con una delibera approvata dalla Giunta su proposta della vicepresidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti, ha costituito un Comitato di indirizzo per le cure primarie che avrà il compito di predisporre annualmente linee guida relative alla presa in carico dei pazienti con malattie croniche, oltre alla programmazione della formazione dei medici di medicina generale e degli infermieri di famiglia e comunità. Il comitato - informano da Palazzo Lombardia - è composto da professionisti della medicina territoriale con comprovata esperienza nel Dipartimento di cure primarie e nell'associazionismo dei medici di medicina generale, nel rispetto della rappresentanza territoriale delle varie Ats. E' prevista anche la presenza di dirigenti interni alla Direzione generale Welfare, con funzioni di coordinamento.

Questi i professionisti sanitari esterni inseriti del panel: Giovanni Gozio, medico di medicina generale (mmg) Ats Brescia; Ivan Carrara, mmg Ats Bergamo; Nicola Bastiani, mmg Ats Brescia; Alessandro Rubino, mmg Ats Pavia; Federica Mura, mmg Ats Valpadana; Davide Fabbrica, mmg Ats Brianza; Giovanna Scienza, mmg Ats Insubria; Elisa Paganini, mmg Ats Milano; Paola Strada, mmg Ats Montagna; Sergio De Giacomi, mmg Ats Montagna; Aurelio Filippini, infermiere Ats Insubria; Barbara Magiacavalli, infermiere Ats Pavia; Angelo Chiappa, mmg Ats Milano; Maria Grazia Manfredi, mmg Ats Milano; Claudio Cogliati, pediatra Ats Milano; Monica De Angelis, pediatra Ats Milano; Rinaldo Missaglia, pediatra Ats Milano; Gaetano Lops, mmg Ats Milano; Erika Conforti, mmg Ats Milano. Due i componenti interni alla Uo Rete territoriale della Dg regionale Welfare: Rosetta Gagliardo e Galdino Cassavia.

La partecipazione nel comitato è a titolo gratuito e non dà diritto a rimborso delle spese, precis una nota regionale. Nello svolgimento dei compiti assegnati, il comitato può avvalersi di altri dirigenti o professionisti in relazione a specifici aspetti.

"Ho sempre ribadito quanto sia importante il coinvolgimento delle realtà territoriali nel percorso di potenziamento della sanità lombarda - dichiara Moratti - Il Comitato di indirizzo cure primarie è costituito da rappresentanti della medicina territoriale, oltre che da infermieri di famiglia e comunità, proprio perché occorre raccogliere le istanze di chi opera in prima linea per migliorare il sistema e dare risposte ai cittadini. Soprattutto ai pazienti più fragili, in questo caso quelli affetti da malattie croniche. Voglio ringraziare i membri del comitato, che svolgeranno questo delicato compito a titolo totalmente gratuito".