In Campania senza stipendio da 7 mesi medici famiglia in formazione

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 17 nov. (Adnkronos Salute) - Caos in Campania per il corso di formazione per i medici di famiglia: da sette mesi i giovani dottori sono senza stipendio e ci sono stati oltre 130 abbandoni del percorso formativo. Lo denuncia la Federazione dei medici di medicina generale, Fimmg-Formazione, che richiede un intervento immediato da parte della Regione.

Il sindacato "ritiene ingiustificabile la mancata erogazione delle borse di studio per quasi 200 medici che lo scorso aprile hanno iniziato il corso di formazione specifica in medicina generale del triennio 2021/24. Medici con famiglie da mantenere, figli a cui provvedere, affitti e bollette (sempre più salate) da pagare e che dopo sette mesi non hanno ricevuto un solo euro dei 966 euro lordi previsti al mese. Nonostante la Giunta regionale abbia approvato a metà ottobre, dopo ripetute sollecitazioni di Fimmg, la delibera per il pagamento delle borse arretrate, ad oggi i colleghi possono constatare solo l’ennesimo mancato accredito sui propri conti correnti", si legge nella lettera inviata dalla segretaria nazionale del settore formazione Fimmg, Erika Schembri, alla Regione Campania e all’assessorato alla Salute.

"Oggi ci hanno comunicato che anche la guardia medica non sarà riconosciuta come formazione lavoro. Io lascio il corso a questo punto, perché ho famiglia. Non mi sembra il modo per incentivare i giovani medici a fare il medico di famiglia", afferma un giovane medico.

"Come Fimmg Formazione - aggiunge Schembri - riteniamo questo fatto vergognoso, essendo la Regione Campania l’unica ad oggi a non aver ancora erogato alcuna mensilità ai colleghi. Considerato che, in questo momento di grave crisi economica e aumento del costo della vita, viene trattenuta l’unica fonte di reddito per molti colleghi, con l’ovvia conseguenza che ormai oltre 130 medici hanno abbandonato il corso. Con l’aggravante di una carenza senza precedenti che nella sola Regione ha raggiunto quasi 300 medici di famiglia mancanti, sempre più presidi di guardia medica e 118 scoperti, mentre più di 160mila cittadini (nel solo capoluogo partenopeo) attendono, invano, un medico".

"Chiediamo formalmente – conclude Schembri - che siano erogate immediatamente le borse trattenute ingiustificatamente, garantendo inoltre l’applicazione della normativa vigente sul riconoscimento delle attività professionalizzanti, riservandoci di agire per vie legali a tutela dei diritti dei colleghi iscritti e a risarcimento dei danni subìti".