In 9 Paesi ad alto reddito, il cancro del colon-retto è in aumento solo tra i giovani adulti


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • L’analisi di dati di 43 Paesi del mondo, mostra che negli ultimi 10 anni c’è stato un aumento dei tassi di incidenza del cancro del colon-retto (CRC) tra gli adulti di 29-49 anni in 19 Paesi.
  • In 9 di questi (in Nord America, Europa e Oceania) l’aumento è avvenuto solo in questa fascia di età, mentre l’incidenza è rimasta stabile o è diminuita tra coloro con 50 anni o più.
  • I tassi di incidenza nei giovani adulti sono diminuiti solo in 3 paesi (Austria, Lituania, Italia), mentre negli adulti più anziani in 11, e in alcuni tra quelli con un incremento in entrambe le fasce di età, le tendenze in aumento del cancro a esordio precoce sono state 2 volte più ripide (Norvegia, Cipro e Paesi Bassi).

Descrizione dello studio

  • I dati sull’incidenza annuale e le tendenze di CRC in tutto il mondo (43 paesi) sono stati ricavati dal Cancer Incidence in Five Continents e da registri supplementari fino all’anno 2012 o oltre (per Australia, Finlandia, Nuova Zelanda, Norvegia, Svezia, USA).
  • L’incidenza è stata stratificata per età di diagnosi: 20-49 anni (esordio precoce) e ≥50 anni (adulti più anziani).
  • Outcome primari: tassi di incidenza annuale media nel 2008-2012 (42 paesi); variazione percentuale annua media ponderata nel tempo (AAPC) nei tassi di incidenza negli ultimi 10 anni (36 paesi).

Risultati principali

  • Nel 2008-2012, i tassi di incidenza di CRC a esordio precoce sono stati tra 3,5 su 100.000 (IC 95% 3,2 a 3,9) in India (Chennai) e 12,9 (IC 95% 12,6 a 13,3) in Corea.
  • La variazione geografica è stata simile negli adulti più anziani, ma con tassi diversi.
  • L’incidenza di CRC a esordio precoce negli ultimi 10 anni è stata stabile in 14/36 paesi, è diminuita (di circa l’1% all’anno) in Austria, Italia e Lituania ed è aumentata in 19 paesi.
  • In 9/19 paesi (Australia, Canada, Danimarca, Germania, Nuova Zelanda, Slovenia, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti) c’è stata una tendenza stabile o in declino di CRC negli adulti oltre i 50 anni.
  • La grandezza di AAPC nei giovani adulti è stata notevolmente maggiore che quella negli adulti più anziani in Norvegia (1,9 [IC 95% 1,4 a 2,5] contro 0,5 [IC 95% 0,3 a 0,7]) così come a Cipro e nei Paesi Bassi.
  • Nella maggior parte dei paesi ad alto reddito con dati a lungo termine disponibili, l’aumento della malattia a esordio precoce è iniziata negli anni '90.
  • Gli aumenti più ripidi nei giovani adulti sono stati in Corea (AAPC 4,2 [IC 95% 3,4 a 5,0]) e Nuova Zelanda (AAPC 4,0 [IC 95% 2,1 a 6,0]).

Limiti dello studio

  • Possibile influenza del miglioramento in qualità di dati o acquisizione dei casi.
  • Non disponibili i dati a lungo termine e dal 2012 per molti paesi.
  • Assenza di registri di alta qualità per la maggior parte dei Paesi a basso e medio reddito.

Perché è importante

  • Mancava un’analisi globale dei tassi di incidenza di CRC a esordio precoce.
  • I risultati suggeriscono che alcune esposizioni durante l’infanzia (ad esempio il cibo) potrebbero favorire la carcinogenesi ed evidenziano la necessità di studiare l’eziologia del CRC a esordio giovanile.
  • I medici possono aiutare a prevenire morbilità e mortalità premature da CRC attraverso anamnesi familiare, follow-up tempestivo dei sintomi indipendentemente dall'età e screening.