Impianti di testosterone: i dati a 10 anni evidenziano una ridotta incidenza di tumore mammario

  • Glaser RL & al.
  • BMC Cancer
  • 30/12/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Secondo i risultati a 10 anni dello studio di coorte prospettico Dayton, gli impianti di testosterone sono associati a una ridotta incidenza di tumore mammario.

Perché è importante

  • Da più di 80 anni le donne con deficit ormonale sono trattate con impianti di testosterone.
  • Questi risultati sono rassicuranti per le donne che assumono testosterone.
  • I risultati potrebbero stimolare la ricerca sugli impianti di testosterone per la prevenzione del tumore mammario.

Disegno dello studio

  • Una coorte prospettica di donne in pre- e post-menopausa (N=1.267) che hanno ricevuto almeno 2 impianti sottocutanei di pellet di testosterone (dose iniziale di 2–2,5 mg/kg) per deficit ormonale.
  • Il 21,1% delle donne ha ricevuto testosterone più anastrozolo.
  • L’incidenza di tumore mammario è stata studiata entro 240 giorni dall’ultimo impianto di testosterone.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Sono stati osservati 11 casi di tumore mammario (rispetto ai 18 previsti) nelle donne trattate con testosterone e testosterone/anastrozolo, un tasso di incidenza di 165/100.000 anni-persona.
  • Questo tasso di incidenza è inferiore del 39% rispetto al tasso di incidenza previsto calcolato su soggetti appaiati in base all’età del database Surveillance Epidemiology and End Results, pari a 271/100.000 anni-persona (P
  • Il tasso di incidenza del tumore mammario nelle donne trattate con testosterone era inferiore anche rispetto ai controlli storici.

Limiti

  • Disegno osservazionale.
  • Mancanza di un gruppo di controllo.