Il tiotropio contrasta il peggioramento stagionale dell’asma infantile


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • I risultati di un’analisi aggregata indicano che tiotropio, aggiunto alla terapia usuale, è ben tollerato e sicuro in bambini e adolescenti affetti da asma sintomatica.
  • Il numero di eventi avversi legati ai sintomi dell’asma e alle esacerbazioni registrato tra i pazienti trattati con tiotropio è più basso di quello registrato col placebo e la riduzione è particolarmente evidente in primavera e in autunno.

 

Descrizione dello studio

  • Sono stati aggregati i dati di 5 studi randomizzati (NinoTinA-asthma, CanoTinA-asthma, VivaTinA-asthma, RubaTinA-asthma, PensieTinA-asthma) che hanno testato contro placebo il tiotropio (2,5 o 5 µg) come terapia aggiuntiva in pazienti pediatrici (1-17 anni) con asma sintomatica.
  • Sono stati analizzati gli eventi avversi e gli eventi avversi gravi.
  • Fonte di finanziamento: Boehringer Ingelheim International GmbH.

 

Risultati principali

  • 1.119 dei 1.691 pazienti inclusi nell’analisi erano stati trattati con tiotropio (560 con tiotropio 5 μg e 559 con tiotropio 2,5 μg).
  • L’incidenza degli eventi avversi era paragonabile nei vari gruppi: tiotropio 5 μg (51%), tiotropio 2,5 μg (51%) e placebo (54%).
  • L’incidenza di eventi avversi legati al farmaco, di eventi avversi che hanno portato all’interruzione del trattamento e di eventi avversi gravi era bassa e bilanciata tra i gruppi.
  • Non si osservavano differenze stratificando i pazienti per età, sesso o gravità della malattia.
  • Il numero di eventi avversi legati ai sintomi dell’asma e alle esacerbazioni era più basso con tiotropio che col placebo, in particolare durante i picchi stagionali.

 

Limiti dello studio

  • Gli studi aggregati avevano durate diverse e nessuno era durato più di 48 settimane.

 

Perché è importante

  • Opzioni terapeutiche efficaci e sicure per i pazienti pediatrici con asma non controllata restano un’esigenza medica insoddisfatta.
  • Questa analisi ha maggiore potere statistico rispetto ai singoli studi.