Il sostegno per perdere peso dalla rete e dal territorio

  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Notizie dalla letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • In pazienti obesi o sovrappeso, con ipertensione o diabete di tipo 2, una strategia combinata basata su un intervento online e uno di assistenza sanitaria non medica è risultato più efficace delle cure standard e del solo intervento online per ottenere un calo ponderale.
  • Questo è il primo studio che dimostra come un programma online possa essere integrato con i programmi già esistenti di assistenza sanitaria da parte di personale non clinico e come questi programmi possano essere implementati nel contesto delle cure primarie di routine.
  • Servono ulteriori studi per comprendere la generalizzabilità dei risultati e la loro durata nel tempo.

Descrizione dello studio

  • Lo studio ha coinvolto 840 pazienti reclutati presso 15 centri di cure primarie negli Stati Uniti.
  • I partecipanti avevano un’età compresa tra 20 e 70 anni, un indice di massa corporea tra 27 e 40 e soffrivano di ipertensione o diabete di tipo 2.
  • Sono stati definiti 3 gruppi di intervento: cure standard (n=326, mail con informazioni sulla gestione del peso), programma online (n=216) e programma combinato (n=298; programma online più un intervento di assistenza sanitaria con supporto periodico da parte di personale non clinico).
  • L’esito primario era il cambiamento di peso a 12 mesi, quello secondario il cambiamento a 18 mesi.
  • Fonte di finanziamento: Patient-Centered Outcomes Research Institute.

Risultati principali

  • Nei tre gruppi di intervento sono state registrate differenze significative nel cambiamento di peso a 12 mesi.
  • Sono stati registrati cali medi pari a 1,2 kg, 1,9 kg e 3,1 kg nei gruppi cure standard, programma online e programma combinato, rispettivamente (P<0,001).
  • Il programma combinato ha portato a una differenza di -1,9 kg rispetto al gruppo cura standard (P<0,001) e di -1,2 kg (P=0,01) rispetto al gruppo programma online.
  • La perdita di peso è risultata significativa nei tre gruppi anche a 18 mesi, con cambiamenti medi di -1,9 kg, -1,1 kg e -2,8 kg nei gruppi nei gruppi cure standard, programma online e programma combinato, rispettivamente (P<0,001).
  • A 18 mesi le differenze tra i pazienti del gruppo programma combinato e quelli del gruppo cure standard hanno perso significatività, forse perché i pazienti di questo secondo gruppo hanno seguito altri programmi per la perdita di peso al di fuori dello studio.

Limiti dello studio

  • I tre gruppi di studio non erano perfettamente bilanciati per dimensioni e caratteristiche.
  • Le strategie di gestione della popolazione sono risultate eterogenee.
  • I medici di medicina generale sono stati coinvolti solo marginalmente.
  • I risultati potrebbero non essere generalizzabili a popolazioni diverse da quelle coinvolte nello studio.

Perché è importante

  • Le percentuali di popolazione obesa o in sovrappeso sono molto elevate e le due condizioni si associano anche a un incremento del rischio di morbilità e mortalità.
  • Perdite di peso anche piccole possono portare grandi miglioramenti di salute in questa popolazione.
  • I medici di medicina generale spesso non danno consigli ai propri pazienti sulla gestione del peso corporeo per mancanza di tempo o competenze.
  • Servono nuove strategie che possano essere implementate anche sul territorio.