Il sesso dei donatori di globuli rossi non incide sulla mortalità dei pazienti trasfusi


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Né il sesso del donatore né una precedente gravidanza sono associati con un aumento della mortalità dei pazienti trasfusi, sia uomini sia donne.

Descrizione dello studio

  • Analisi effettuate in modo indipendente su 3 coorti: 2 statunitensi (pazienti trasfusi nel 2013-2016, Kaiser Permanente Northern California [KPNC], Recipient Epidemiology and Donor Evaluation Study-III [REDS-III]), 1 scandinava (2003-2012 Scandinavian Donations and Transfusions [SCANDAT]).
  • Follow-up: fine 2016 (KPNC e REDS-III) o fine 2012 (SCANDAT).
  • Esposizioni: numero di trasfusioni di unità di globuli rossi da donatori donne, donne con precedente gravidanza, discordanti per sesso (donatore uomo, ricevente donna o viceversa).
  • Sono state analizzate le associazioni tra gruppi di esposizione con il rischio di mortalità, aggiustate per il numero di esposizioni.
  • Fonti di finanziamento: National Heart, Lung, and Blood Institute.

Risultati principali

  • Lo studio ha incluso 34.662 pazienti del KPNC, 93.724 del REDS-III, 918.996 del SCANDAT (età media 69-61-72 anni; 53,8%-51,6%-56,8% donne, rispettivamente).
  • Numero di trasfusioni per paziente: 3 (IQR 2-5) in KPNC, 2 (1-5) in REDS-III, 3 (2-5) in SCANDAT.
  • Percentuale di trasfusioni in base ai gruppi di donatori in KPNC, REDS-III e SCANDAT: donne 39%, 43%, 41%; donne con precedente gravidanza 9%, 18%, 25%; discordanti per sesso 44%, 49%, 50%, rispettivamente.
  • Morti in ospedale: 3.217 in KPNC, 8.519 in REDS-III, 198.537 in SCANDAT.
  • Non c’è stata associazione significativa tra le esposizioni dai 3 gruppi di donatori e il rischio di mortalità in ospedale nelle 3 coorti.
  • Hazard Ratio stimato per ogni trasfusione aggiuntiva: da donatori donne 0,99 (IC 95% 0,96-1,03) per KPNC, 1,00 (0,99-1,01) per REDS-III e 1,00 (0,99-1,00) per SCANDAT; da donne con precedente gravidanza 1,00 (1,00-1,01), 1,01 (0,98-1,03) e 1,00 (1,00-1,01); da donatori discordanti per sesso 1,02 (0,99-1,05) 0,99 (0,98-1,00) e 1,00 (0,99-1,00).
  • Le analisi della mortalità a lungo termine ha mostrato risultati simili.

Limiti dello studio

  • Studio osservazionale e retrospettivo.
  • Possibile associazione con altri esiti (durata degenza ospedaliera, cause specifiche di morte).
  • Il sesso del donatore potrebbe influenzare il numero di trasfusioni, dato il diverso numero di eritrociti nelle unità di donatori uomini e donne.
  • Non considerati altre componenti del sangue.

Perché è importante

  • Gli studi che hanno analizzato se le caratteristiche del donatore di sangue siano associate alla sopravvivenza dei pazienti riceventi sono in contrasto.
  • Le trasfusioni da donatrici sono state associate a danno polmonare acuto e a un aumento della mortalità tra i riceventi uomini.
  • Nello studio sono stati impiegati diversi metodi statistici per determinare se le conclusioni dipendessero dal metodo utilizzato.