Il rischio di sviluppare tumore colorettale può essere ridotto seguendo le linee guida per la salute cardiovascolare

  • Zhang J & al.
  • BMJ Open

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’aderenza ai parametri ideali di salute cardiovascolare (ideal cardiovascular health metrics, ICVHM) è associata a un rischio inferiore di sviluppare tumore colorettale (colorectal cancer, CRC) nei soggetti di età ≥50 anni.
  • Tra i 7 fattori ICVHM, l’indice di massa corporea (body mass index, BMI), la dieta e la glicemia a digiuno giocano un ruolo importante nella prevenzione dei CRC.

Perché è importante

  • I risultati suggeriscono la necessità di promuovere raccomandazioni per la salute correlate agli ICVHM al fine di ridurre il carico delle malattie cardiovascolari e del CRC.

Disegno dello studio

  • Studio di coorte, prospettico che ha incluso 342.226 partecipanti senza tumori prevalenti (età ≥50 anni), identificati nella coorte UK Biobank (periodo 2006–2010).
  • È stata valutata l’associazione tra ICVHM e incidenza di CRC.
  • Finanziamento: National Natural Science Foundation of China.

Risultati principali

  • Durante il follow-up mediano di 8,72 anni sono stati riportati 3.060 casi di CRC.
  • Rispetto ai partecipanti con ≤2 ICVHM, il rischio di CRC è risultato inferiore nei soggetti con numero di ICVHM:
    • 3 (HR corretto [adjusted HR, aHR]=0,98; IC 95%, 0,85–1,12);
    • 4 (aHR=0,90; IC 95%, 0,77–1,02);
    • 5 (aHR=0,85; IC 95%, 0,71–0,98) e
    • ≥6 (aHR=0,69; IC 95%, 0,48–0,90).
  • Tra i 7 fattori ICVHM, un BMI inferiore (aHR=0,86; IC 95%, 0,78–0,95), una dieta più sana (aHR=0,92; IC 95%, 0,84–0,99) e una glicemia a digiuno ideale (aHR=0,90; IC 95%, 0,80–0,99) sono risultati collegati a un rischio inferiore di CRC.

Limiti

  • Rischio di confondimento residuo.