Il report, nel 2018 in Italia si riducono degenze ospedaliere


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 17 gen. (Adnkronos Salute) - Nel 2018 si riscontra una diminuzione del volume di attività erogata dagli ospedali italiani: il numero complessivo di dimissioni per acuti, riabilitazione e lungodegenza, passa da 8.521.114 a 8.339.286 unità, con una riduzione di circa il 2,1% rispetto al 2017. È quanto evidenzia il Rapporto annuale sull'attività di ricovero ospedaliero (Sdo) nel 2018 pubblicato sul sito del ministero. "Il trend del tasso di ospedalizzazione, standardizzato per età e sesso, è in calo - sottolinea il report - Quello complessivo si riduce da 171,8 per 1.000 abitanti nel 2010 a 126,5 nel 2018. In particolare, il tasso di ospedalizzazione per acuti in regime ordinario passa da 115,8 per 1.000 abitanti nel 2010 a 92,4 nel 2018, mentre il tasso di ospedalizzazione per acuti in regime diurno passa da 48,8 a 28,1".

Per quanto riguarda la mobilità interregionale, questo dato rimane sostanzialmente costante. "Pur con qualche leggera variazione, la percentuale di ricoveri in mobilità per ciascun tipo di attività e regime di ricovero si mantiene sostanzialmente costante, rispettivamente, intorno all’8% per l'attività per acuti in regime ordinario, al 9% per l'attività per acuti in regime diurno, al 16% per l'attività di riabilitazione in regime ordinario, al 10% per l'attività di riabilitazione in regime diurno, e al 6% per l'attività di lungodegenza", evidenzia il rapporto.