Il NICE raccomanda neratinib per il tumore mammario HER2+ allo stadio iniziale

  • National Institute for Health and Care Excellence

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Il National Institute for Health and Care Excellence (NICE) raccomanda ora l’uso di routine di neratinib nel tumore mammario allo stadio iniziale (early breast cancer, eBCa) HER2+, come nel Sistema Sanitario Nazionale (National Health Service) in Inghilterra.
  • Nello specifico, neratinib è raccomandato come terapia adiuvante prolungata entro 1 anno dal completamento della terapia adiuvante con trastuzumab.
  • La raccomandazione NICE è accompagnata da 2 condizioni:
    • trastuzumab deve essere l’unica terapia mirata a HER2 ricevuta dalle pazienti;
    • le pazienti devono avere avuto malattia invasiva residua nella mammella o nell’ascella se (e dopo) aver ricevuto trattamento a base di chemioterapia neoadiuvante.

Perché è importante

  • Neratinib ha ricevuto l’autorizzazione all’immissione in commercio della Commissione Europea nel 2018, dopo la pubblicazione della sperimentazione ExteNET.

Punti salienti

  • Le 2 condizioni che accompagnano l’approvazione di neratinib riflettono la mancanza di evidenze nello studio ExteNET in pazienti che avevano ricevuto terapia adiuvante con pertuzumab in aggiunta a trastuzumab e l’esclusione di pazienti con risposta patologica completa dopo il trattamento neoadiuvante a base di chemioterapia.
  • Lo studio ExteNET ha indicato che nell’intera popolazione dello studio neratinib ha prolungato la sopravvivenza libera da malattia invasiva del 27% (HR: 0,73; IC 95%: 0,57–0,92) e del 42% (HR: 0,58; IC 95%: 0,41–0,82) nel sottogruppo trattato con neratinib entro 1 anno dal completamento della terapia con trastuzumab.
  • Il 40% delle pazienti trattate con neratinib ha lamentato diarrea grave, ma questo evento avverso può essere gestito con profilassi anti-diarrea.