Il grado di attività fisica potrebbe essere correlato ai disturbi urinari negli ultracinquantenni


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Una scarsa attività fisica misurata con il questionario Physical Activity Scale for Elderly (PASE) si associa a un aumento del rischio di sintomi del tratto urinario inferiore (LUTS) in una popolazione di pazienti maschi italiani ultracinquantenni.
  • In particolare, il punteggio PASE è un predittore indipendente del rischio di LUTS della fase di riempimento (rLUTS) da moderati a gravi.  

Descrizione dello studio

  • Nello studio sono stati arruolati, a partire dal 2009, pazienti di età uguale o superiore a 50 anni con LUTS-ipertrofia prostatica benigna.
  • I sintomi sono stati valutati con il punteggio International Prostate Symptom Score (IPSS).
  • L’attività fisica è stata valutata invece con il questionario PASE.
  • Mediante regressione logistica binaria è stato valutato il rischio di identificare LUTS (IPSS≥8), LUTS della fase di svuotamento (vIPSS≥5) e LUTS della fase di riempimento (rLUTS) (rIPSS≥4).

Risultati principali

  • Nello studio sono stati coinvolti 617 pazienti provenienti da due centri in Italia.
  • Il punteggio PASE mediano era 118 e il punteggio IPSS mediano era 9.
  • In totale, 189 dei 617 (30%) pazienti hanno presentato LUTS da moderati a gravi.
  • In questi soggetti è stato osservato un punteggio PASE più basso rispetto ai pazienti con IPSS totale≤7 (111 vs 125; P=0,016)
  • Nell’analisi mutivariata, il punteggio PASE (OR=0,997 per unità; P=0,023) e il volume prostatico misurato mediante ecografia transrettale (OR=1,008 per mL; P=0,045) sono risultati predittori indipendenti della gravità dei LUTS.
  • Inoltre, il punteggio PASE è risultato un predittore indipendente di rLUTS (OR=0,996; P=0,015).

Limiti dello studio

  • Non erano disponibili dati sul flusso urinario e sul volume residuo post-svuotamento, né sono stati utilizzati questionari specifici per meglio valutare le cause dei sintomi urinari.
  • La popolazione è limitata nel numero e nella provenienza.
  • I dati sull’attività fisica utilizzati non descrivono l’attività nelle fasi precedenti della vita dei pazienti.

Perché è importante

  • Nella popolazione maschile, i LUTS mostrano una elevata prevalenza, che aumenta con l’età.
  • L’ipertrofia prostatica benigna (IPB) è una delle cause principali di tali sintomi, ma la sua eziologia non è ancora del tutto nota.
  • Alcuni studi suggeriscono un’associazione tra esercizio fisico e IPB, ma l’associazione di questi due fattori con i LUTS è ancora oggetto di dibattito.