Il Governatore, insistiamo su autonomia per fare scelte utili come questa


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 28 ott. (Adnkronos Salute) - Circa 2 mila medici specializzandi del quarto e del quinto anno potranno progressivamente iniziare a prestare servizio autonomo negli ospedali lombardi. Lo hanno annunciato il presidente della Regione, Attilio Fontana, e l'assessore al Welfare, Giulio Gallera, durante la conferenza stampa dopo Giunta alla quale hanno partecipato anche Gianvincenzo Zuccotti, presidente dell'Osservatorio regionale della Formazione specialistica e direttore della Pediatria dell'ospedale Buzzi di Milano, e Lucia Cococcioni, medico specializzando al quinto anno di Pediatria.

"Uno dei grossi problemi nei nostri ospedali è la mancanza di personale - ha evidenziato Gallera - Oggi, con questa delibera, la Lombardia dà una prima risposta concreta fornendo alle strutture sanitarie che fanno parte della rete formativa indirizzi per la progressiva assunzione di autonomia operativa e decisionale dei medici in formazione specialistica. Persone che hanno già fatto un corso di studio di 6 anni e altri 3 anni di specializzazione. "

Tra poche settimane, quindi - prosegue - 2 mila specializzandi saranno molto più autonomi e operativi nelle corsie dei nostri ospedali. Si tratta di un risultato importante che va nella direzione di garantire cure sempre più adeguate grazie alla presenza di più medici. Tutto ciò, ovviamente - ha precisato l'assessore - non andrà a discapito dell'assunzione di nuovi medici".

"Il provvedimento adottato oggi - ha dichiarato Fontana - dimostra ancora una volta il perché Regione Lombardia insiste nella richiesta dell'autonomia. Vogliamo essere liberi di fare delle scelte che siano utili per rispondere meglio ai bisogni dei nostri territori e dei nostri cittadini, ma anche al resto del Paese, visto che già altre Regioni hanno espresso la volontà di seguire la strada da noi segnata".

"Se da domani i nostri specializzandi potranno operare, con una progressiva autonomia, negli ospedali lombardi - ha sottolineato il governatore - è perché non ci siamo arresi all'impugnativa che, nel febbraio 2018, il Governo Gentiloni aveva depositato, sollevando davanti alla Corte Costituzionale una questione di illegittimità della nostra legge. Ci siamo costituiti in giudizio e la Corte Costituzionale ci ha dato ragione. Questa è la direzione che intendiamo seguire nel caso non dovessero concederci l'autonomia, ovvero gestire più autonomamente le singole materie previste come concorrenti dalla Costituzione".

La Lombardia - sottolinea una nota - è la prima Regione in Italia a introdurre questa possibilità che "fra l'altro è a costo zero per i cittadini perché gli specializzandi già ricevono una borsa di studio".

Il percorso prevede i seguenti step, dettagliano da Palazzo Lombardia: decisione da parte del tutor che un atto medico possa essere compiuto, in autonomia, dallo specializzando, già adeguatamente formato (autonomia progressiva); indicazione da parte del tutor dell'atto medico che lo specializzando può svolgere avendo riferimento ad adeguate direttive; garanzia che il tutor intervenga tempestivamente in caso di necessità per consultazioni o per affiancare lo specializzando; individuazione da parte del tutor della tipologia dei casi clinici assegnabili a ogni medico in formazione, nell'ambito del livello di autonomia operativa e decisionale allo stesso riconosciuto. L'autonomia del medico specializzando non può mai prescindere dalle direttive fornite dal tutor. Lo specializzando non può essere conteggiato nel calcolo delle risorse umane assegnate dell'Unità organizzativa all'interno della quale è inserito.