Il glioblastoma incidentale è legato a esiti migliori

  • Kawauchi D & al.
  • J Neurooncol

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • I pazienti affetti da glioblastomi incidentali (iGBM) trattati precocemente evidenziano buoni tassi di sopravvivenza rispetto ad altri GBM.

Perché è importante

  • Grazie all’incremento della diagnostica per immagini e ai progressi delle tecnologie di diagnostica per immagini, l’individuazione precoce dei GBM può determinare una prognosi migliore.

Disegno dello studio

  • Studio di 315 pazienti affetti da GBM di nuova diagnosi tra il 2005 e il 2019.
  • Gli iGBM sono stati definiti come GBM senza segni focali identificati in radiografie effettuate per motivi non correlati.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • L’1,3% dei pazienti presentava iGBM.
  • Il tempo mediano tra la conferma della lesione e il trattamento chirurgico è stato di 13,5 giorni.
  • Tutti i 4 pazienti hanno subito progressione della malattia e 3 sono deceduti durante il periodo dello studio.
  • La sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) mediana è risultata di 10,5 mesi e la sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) mediana di 20,0 mesi, più lunghe rispetto a quanto riportato precedentemente, rispettivamente 6,3–7,1 mesi e 10,1–15,2 mesi.

Limiti

  • Lo studio era retrospettivo, aveva un campione di iGBM di dimensioni molto ridotte ed è stato condotto presso un singolo istituto.