Il ginseng non è utile ma non nuoce ai pazienti con BPCO


  • Elena Riboldi — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • In uno studio randomizzato controllato, ginseng e placebo hanno dimostrato benefici simili nel miglioramento della qualità di vita legata alla salute in pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) moderata.
  • L’estratto di ginseng si è dimostrato sicuro per i pazienti con BPCO, inclusi quelli che assumono terapie inalatorie standard.

Descrizione dello studio

  • Lo studio in doppio-cieco ha arruolato, presso 5 centri situati in Australia e Cina, 168 pazienti (età ≥40 anni) con BPCO moderata (Global Initiative for Chronic Obstructive Lung Disease [GOLD] 2) stabile.
  • I partecipanti soddisfacevano la classificazione secondo la medicina cinese di sindrome da deficit di Qi del polmone con o senza deficit di Qi della milza e del rene.
  • I partecipanti sono stati randomizzati (1:1): un gruppo ha ricevuto il ginseng (100 mg, due volte al giorno), l’altro gruppo il placebo.
  • È stato usato un estratto standardizzato di radice di Panax ginseng CA Meyer.
  • Il trattamento è durato 24 settimane ed è stato seguito da un follow-up di 24 settimane.
  • L’esito primario era il miglioramento della qualità di vita legata alla salute (St George’s Respiratory Questionnaire [SGRQ], COPD Assessment Test [CSAT], Short Form Health Survey [SF-36]).
  • Fonti di finanziamento: National Health and Medical Research Council, National Institute of Complementary Medicine Australia, National Natural Science Foundation of China.

Risultati principali

  • Il follow-up è stato completato da 144 pazienti.
  • La qualità di vita legata alla salute è migliorata sia col ginseng che col placebo; non c’erano differenze statisticamente significative tra i gruppi.
  • La funzionalità polmonare (FEV1 e FVC) è migliorata sia col ginseng che col placebo; non c’erano differenze statisticamente significative tra i gruppi.
  • L’uso di medicinali di sollievo e le esacerbazioni della BPCO erano simili nei due gruppi e non statisticamente significative.
  • Il profilo degli eventi avversi era simile nei due gruppi.

Limiti dello studio

  • Per lo studio è stato usato un estratto prodotto e certificato in base a specifici standard qualitativi, i risultati potrebbero non essere generalizzabili ad altri prodotti.
  • Il numero di pazienti coinvolti è limitato.

Perché è importante

  • È il primo studio internazionale multicentrico randomizzato controllato a valutare gli effetti del ginseng nei pazienti con BPCO.
  • I risultati non supportano l’uso del ginseng, ma rassicurano sull’innocuità del suo utilizzo.