Il genotipo è legato agli esiti nel tumore prostatico di basso volume

  • Hearn JWD & al.
  • JAMA Oncol
  • 13/02/2020

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Il genotipo surrenale-permissivo di HSD3B1 è associato, nei pazienti con tumore prostatico metastatico di basso volume, a una resistenza alla castrazione più precoce e a una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) inferiore.
  • Docetaxel è associato a un prolungamento della libertà da tumore prostatico resistente alla castrazione (castration-resistant prostate cancer, CRPC) e della OS nei pazienti con alto volume di malattia, indipendentemente dal genotipo di HSD3B1.

Perché è importante

  • Il genotipo di HSD3B1 può essere utilizzato per stratificare i pazienti con basso volume di malattia in base al rischio nelle sperimentazioni future.

Disegno dello studio

  • Sperimentazione di fase 3 E3805 CHAARTED di 790 pazienti (età media di 63 anni) con CRPC metastatico di nuova diagnosi, assegnati casualmente a terapia di deprivazione androgenica ± docetaxel.
  • Finanziamento: National Cancer Institute.

Risultati principali

  • Follow-up mediano:
    • gruppo con basso volume di malattia, 64,4 mesi;
    • gruppo con alto volume di malattia, 42,6 mesi.
  • Nei pazienti con basso volume di malattia il genotipo surrenale-permissivo era associato, rispetto a quello surrenale-restrittivo, a tassi significativamente inferiori di:
    • libertà da CRPC a 2 anni, 51,0% rispetto a 70,5% (P=0,01);
    • OS a 5 anni, 57,5% rispetto a 70,8% (P=0,03).
  • Il genotipo surrenale-permissivo era associato a un rischio più alto di CRPC (HR corretto: 1,89; P=0,02) e di mortalità (HR corretto: 1,74; P=0,045) nei pazienti con basso volume di malattia.
  • Nei pazienti con alto volume di malattia non è stata osservata alcuna differenza tra genotipi nella libertà da CRPC a 2 anni (P=0,89) e nella OS a 5 anni (P=0,65).
  • Docetaxel era associato a libertà da CRPC e OS prolungate nei pazienti con alto volume di malattia:
    • genotipo surrenale-permissivo, rispettivamente P
    • genotipo surrenale-restrittivo, rispettivamente P=0,003 e P=0,008.

Limiti

  • Sono stati inclusi solo uomini caucasici.