Il diabete non ha ripercussioni sul rendimento scolastico


  • Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Tra i bambini danesi che frequentano le scuole pubbliche (elementari e medie) non emergono differenze nei punteggi dei test standardizzati per misurare le capacità di lettura e matematiche dei bambini affetti da diabete di tipo 1 e quelli dei bambini non diabetici.

 

Descrizione dello studio

  • Lo studio retrospettivo ha incluso tutti i bambini danesi che nel periodo 2011-2015 frequentavano le scuole pubbliche ed erano nel 2°, 3°, 4°, 6° o 8° anno del percorso scolastico.
  • I bambini diabetici sono stati identificati grazie al database nazionale DanDiabKids.
  • Sono stati analizzati i test standardizzati relativi alle capacità di lettura (2°, 4° e 6° anno; n=1.037.006) e di calcolo (3° e 6° anno; n=524.764); l’esito primario consisteva in un punteggio complessivo (range 1-100).
  • È stato usato un modello di regressione lineare con e senza correzione per caratteristiche socioeconomiche.
  • Fonte di finanziamento: Independent Research Fund Denmark.

 

Risultati principali

  • Dei 631.120 bambini inclusi nello studio, 2.031 avevano una diagnosi di diabete di tipo 1.
  • Il punteggio medio complessivo era 56,11±24,93; non c’era una differenza significativa tra il punteggio dei bambini non diabetici (56,11) e quello dei bambini diabetici (56,6; differenza 0,45; IC95% da -0,31 a 1,22).
  • Nel modello di regressione lineare, la differenza stimata tra il punteggio dei bambini con e senza diabete era pari a 0,24 (IC95% da -0,90 a 1,39) se l’analisi era corretta per classe, argomento del test e anno e a 0,45 (da -0,58 a 1,49) se si aggiungeva la correzione per lo status socioeconomico.

 

Limiti dello studio

  • In Danimarca lo standard di cura per il diabete è di alto livello, i risultati potrebbero non essere generalizzabili a situazioni in cui l’accesso alle cure sia influenzato dallo status socioeconomico.

 

Perché è importante

  • Il diabete di tipo 1 è legato a complicanze micro- e macrovascolari e comporta un rischio di neuroipoglicemia e di iperglicemia.
  • Gli studi che hanno analizzato gli effetti del diabete sulle abilità cognitive e sul rendimento scolastico, spesso fatti su piccoli campioni, non sono risultati conclusivi.
  • In questo studio di popolazione la differenza nei risultati dei test scolastici dei bambini diabetici rispetto a quelli dei bambini non diabetici è piccola e non significativa.
  • Questa informazione può essere utile a tranquillizzare i genitori che si chiedono se la malattia possa incidere sulla performance scolastica del figlio diabetico.