Il diabete influenza la prognosi dopo il trattamento chirurgico dell’NSCLC?

  • Komatsu T & al.
  • PLoS One
  • 01/01/2020

  • Kelli Whitlock Burton
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Il diabete preoperatorio non aumenta il rischio di complicanze postoperatorie o la durata del ricovero in ospedale dopo la resezione del tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC).
  • Tuttavia, i pazienti con un livello preoperatorio più elevato di HbA1c presentano una sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) peggiore rispetto a quelli con diabete controllato prima dell’intervento chirurgico.

Perché è importante

  • Sebbene alcuni risultati abbiano suggerito che il diabete è associato a un aumento del rischio di sviluppare tumori polmonari, non era noto in che modo tale patologia influisse sulla prognosi dei pazienti con NSCLC.

Disegno dello studio

  • 2.219 pazienti sottoposti a resezione polmonare di NSCLC.
  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • L’11,7% dei pazienti presentava diabete preoperatorio.
  • L’incidenza di complicanze postoperatorie e la durata del ricovero in ospedale non differivano significativamente tra pazienti diabetici o non diabetici, a prescindere dai livelli di HbA1c.
  • La OS a 5 anni non differiva tra pazienti diabetici o non diabetici (rispettivamente 80,2% vs. 79,4%; P=0,158).
  • Tra i pazienti diabetici, quelli con HbA1c 7,0%:
    • 80,5% rispetto a 60,0% (P=0,043).
  • I pazienti con HbA1c ≥8,0% presentavano la OS peggiore (P=0,023).
  • Nessuna differenza significativa nel tasso di decessi correlati all’NSCLC tra pazienti diabetici, a prescindere dal livello di HbA1c.

Limiti

  • Studio retrospettivo, presso un singolo centro.