Il deficit di alfa-1 antitripsina non è collegato a un aumento del rischio di sviluppare tumore polmonare nei soggetti che non hanno mai fumato

  • Tubío-Pérez RA & al.
  • BMC Cancer

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Un ampio studio caso-controllo spagnolo indica che il genotipo del deficit di alfa-1 antitripsina (alpha-1 antitrypsin deficiency, AATD) non è associato a un aumento del rischio di sviluppare tumore polmonare nei soggetti che non hanno mai fumato.
  • Non si osserva alcun aumento del rischio con alleli sia eterozigoti sia omozigoti del genotipo di AATD.

Perché è importante

  • I soggetti che non hanno mai fumato rappresentano il 15% di tutti i casi di tumore polmonare negli Stati Uniti.
  • L’AATD è risultato associato a un aumento del rischio di sviluppare tumore polmonare in altri studi, ma è possibile che la correlazione valga solo per i fumatori.
  • I risultati presentati contrastano con quelli dell’unico altro studio condotto su soggetti che non avevano mai fumato, che ha riscontrato un aumento del rischio in presenza del genotipo di AATD.

Disegno dello studio

  • Studio caso-controllo multicentrico (periodo 2011–2019) nel quale 457 casi di non fumatori con diagnosi di tumore polmonare sono stati confrontati con 631 partecipanti di controllo, costituiti da soggetti che non avevano mai fumato sottoposti a interventi chirurgici maggiori non correlati al cancro.
  • Per la genotipizzazione degli alleli S e Z dell’AATD sono stati utilizzati campioni di sangue.
  • Finanziamento: Xunta de Galicia.

Risultati principali

  • Non è stato osservato alcun aumento del rischio di sviluppare tumore polmonare nei soggetti che non avevano mai fumato per gli alleli S e Z dell’AATD, sia omozigoti sia eterozigoti:
    • allele SZ, aOR=1,09 (IC 95%, 0,25–4,69);
    • allele SS, aOR=1,09 (IC 95%, 0,42–2,78);
    • allele eterozigote MS, aOR=0,67 (IC 95%, 0,49–0,91);
    • allele eterozigote MZ, aOR=0,79 (IC 95%, 0,37–1,6).

Limiti

  • La rarità del genotipo AATD ha reso necessario un disegno caso-controllo.