Il contributo dei centri per i disturbi cognitivi e le demenze nella gestione integrata dei pazienti


  • Notizie Mediche - VDA Net
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

ISS Istituto Superiore di Sanita'

Il contributo dei Centri per i Disturbi Cognitivi e le Demenze nella gestione integrata dei pazienti

Istituto Superiore di Sanità. Roma, 14-15 novembre 2019 - Riassunti

A cura di Monica Mazzola, Paola Ruggeri, Ilaria Bacigalupo, Marco Canevelli, Eleonora Lacorte, e Nicola Vanacore 2019, ix, 107 p. ISTISAN Congressi 19/C5

Le demenze rappresentano una priorità di sanità pubblica. L’Organizzazione Mondiale della Sanità a maggio 2017 ha presentato il Piano Mondiale delle Demenze. Dal 2014 l’Italia si è dotata del Piano Nazionale Demenze (PND) che ha ridenominato le Unità di Valutazione Alzheimer (UVA) come “Centri per Disturbi Cognitivi e Demenze (CDCD)” ed ha sottolineato la necessità di organizzarli insieme agli altri Servizi sanitari e socio-sanitari, nella logica della gestione integrata e della costruzione di percorsi assistenziali dedicati. Il Convegno si propone di documentare alcune attività di prevenzione, trattamento, assistenza e ricerca condotte a livello nazionale presso le strutture del Servizio Sanitario Nazionale deputate all’assistenza dei pazienti con demenza e dei loro familiari.

- Scarica il documento completo in formato PDF
- Riproduzione riservata e per uso personale