Il consumo di zucchero influenza l’incidenza del tumore del colon prossimale e la mortalità correlata?

  • Yuan C & al.
  • Am J Clin Nutr

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Un consumo elevato di bevande zuccherate (sugar-sweetened beverage, SSB) e di fruttosio totale è associato in modo significativo a un aumento dell’incidenza e della mortalità del tumore del colon prossimale.

Perché è importante

  • Le SSB, che vengono dolcificate principalmente con sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, sono la principale fonte di zuccheri aggiunti nella dieta negli Stati Uniti.

Disegno dello studio

  • In uno studio su larga scala, 121.111 partecipanti adulti provenienti da 2 coorti prospettiche statunitensi, lo studio sulla salute degli infermieri (Nurses’ Health Study) e lo studio di follow-up degli operatori sanitari (Health Professionals Follow-up Study), sono stati seguiti per l’incidenza di tumori colorettali e la mortalità correlata al tumore colorettale.
  • Finanziamento: National Institutes of Health, American Cancer Society; American Institute for Cancer Research statunitensi.

Risultati principali

  • Il consumo di SSB è risultato associato a un aumento significativo dell’incidenza (HR per incremento di 1 porzione/die, 1,18; IC 95%, 1,03–1,34; Ptendenza=0,02) e della mortalità (HR=1,39; IC 95%, 1,13–1,72; Ptendenza=0,002) del tumore del colon prossimale.
  • Il consumo di fruttosio totale è risultato associato a un aumento significativo dell’incidenza (HR per incremento di 25 g/die, 1,18; IC 95%, 1,03–1,35) e della mortalità (HR=1,42; IC 95%, 1,12–1,79) del tumore del colon prossimale.
  • Il consumo di SSB e di fruttosio totale nell’ultimo decennio ha evidenziato una forte associazione con un’incidenza aumentata di tumore del colon prossimale.

Limiti

  • Il consumo alimentare è stato autoriferito dai partecipanti.
  • Potenziale rischio di confondimento residuo e non misurato.