Il consumo di tè è legato a un rischio inferiore di sviluppare tumore mammario in presenza di anamnesi familiare

  • Zhang D & al.
  • Int J Cancer
  • 13/12/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Il consumo di tè verde o tè nero è associato a un rischio fino al 18% inferiore di sviluppare tumori mammari.
  • I risultati derivano da un’analisi dello studio sulle sorelle (Sister Study), un’ampia coorte prospettica di donne senza tumori mammari le cui sorelle avevano un tumore mammario.

Perché è importante

  • Studi preclinici suggeriscono che tè nero e tè verde possiedono qualità chemiopreventive.
  • I risultati in altre coorti sono stati contraddittori, in parte perché hanno raggruppato insieme tutti i tipi di tè.
  • I risultati di questo studio suggeriscono che è giustificata una sperimentazione randomizzata e controllata.

Disegno dello studio

  • Coorte prospettica di 45.744 donne statunitensi e portoricane dello studio sulle sorelle, seguite per una mediana di 8,6 anni.
  • Il consumo di tè è stato valutato in base al Questionario sulla frequenza alimentare al momento dell’arruolamento, che copriva i precedenti 12 mesi.
  • Le diagnosi di tumore mammario sono state valutate mediante questionari di follow-up e confermate tramite l’esame delle cartelle cliniche.
  • Finanziamento: National Institutes of Health (NIH).

Risultati principali

  • L’81,6% delle partecipanti consumava tè nero e il 56,0% tè verde.
  • Durante il follow-up sono stati diagnosticati 2.809 tumori mammari.
  • Sono state riscontrate associazioni inverse tra 2 tipi di tè e il tumore mammario:
    • tè nero (≥5 vs. 0 tazze/settimana), aHR=0,88 (IC 95%, 0,78–1,00);
    • tè verde (≥5 vs. 0 tazze/settimana), aHR=0,82 (IC 95%, 0,70–0,95).
  • I risultati non variavano a seconda dello stato per il recettore degli estrogeni, lo stato di menopausa o l’indice di massa corporea.

Limiti

  • Disegno osservazionale.