IDWeek 2018 — Il 46% delle prescrizioni di antibiotici è rilasciato senza diagnosi di infezione


  • Emily Willingham, PhD
  • Conference Reports
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Un paio di studi presentati all'ID WEEK 2018 evidenzia la tensione nella prescrizione di antibiotici:
    • i medici di primo intervento comprendono quanto siano importanti per la salute pubblica la resistenza agli antibiotici e l'uso inappropriato degli stessi, tuttavia
    • quasi la metà delle prescrizioni di antibiotici a pazienti esterni è rilasciata in assenza di una diagnosi relativa a un'infezione.

Perché è importante

  • "Abbiamo trovato che quasi la metà delle volte i medici o prescrivono antibiotici per un motivo sbagliato o non forniscono addirittura nessun motivo," ha dichiarato Jeffrey A. Linder, MD, MPH, autore principale dello studio e direttore della Division of General Internal Medicine and Geriatrics (Divisione di Medicina Generale Interna e Geriatria) della Northwestern University Feinberg School of Medicine (Università del Nord-Ovest, Scuola di Medicina Steinberg) di Chicago, Illinois, in una dichiarazione. Tuttavia "molti sono convinti che non migliorerebbero senza un antibiotico e si rivolgono al medico con la specifica richiesta di una prescrizione."

Risultati principali

  • Il 46% delle prescrizioni di antibiotici è rilasciato in assenza di una diagnosi relativa a un'infezione:
    • Il 29% è per motivi non legati a un'infezione, quali l'ipertensione.
    • Il 17% non indica addirittura nessuna diagnosi.
    • Il 20% è prescritto senza neanche una visita di persona; la metà per telefono.
  • Tuttavia, in un secondo studio, i medici di primo intervento riconoscono l'importanza di una prescrizione corretta e della resistenza agli antibiotici:
    • I 52 medici interpellati nel secondo studio ritengono questi problemi più legati alla cure ospedaliere o d'urgenza, o danno la colpa alle richieste dei pazienti. 
    • Sono preoccupati che, con questo tipo di gestione, alcuni medici possano "manipolare il sistema" per ottenere punteggi migliori.

Disegno dello studio

  • Per il primo studio, i ricercatori hanno esaminato 509.534 prescrizioni di antibiotici per 279.169 pazienti emesse da 2413 medici in 514 cliniche, da novembre 2015 a ottobre 2017.
  • Per il secondo studio, hanno guidato gruppi mirati in 4 città degli Stati Uniti di 52 medici di famiglia e specialisti di medicina interna.
  • Finanziamento: Agency for Healthcare Research and Quality (Agenzia statunitense AHRQ).

Limiti

  • Presentazioni a congressi, senza peer review.