IDWeek 2018 — Batteriuria asintomatica: aggiornamento delle linee guida


  • Emily Willingham, PhD
  • Conference Reports
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Stanno per essere pubblicate linee guida aggiornate per la gestione della batteriuria asintomatica (ASB). 
  • Lindsay Nicolle, MD, dell'University of Manitoba Health Sciences Center (Centro di Scienze Sanitarie dell'Università del Manitoba) di Winnipeg, Manitoba, Canada, ha descritto alcune delle modifiche rispetto alla precedenti linee guida della Infectious Disease Society of America (Società Americana Malattie Infettive). 

Perché è importante

  • Questo aggiornamento è mirato a quelle popolazioni, quali i pazienti trapiantati, che non erano interamente contemplate o erano state omesse nelle linee guida del 2005.
  • La limitazione dei trattamenti non necessari può far parte della gestione degli antibiotici.

Raccomandazioni principali

  • Il Dr. Nicolle ha spiegato che uno dei problemi principali presentati dalla base documentaria delle linee guida ASB è che molti degli studi a supporto, sebbene molto solidi, sono anche ormai inattuali.
  • L'applicazione del processo GRADE di sviluppo delle linee guida a questi vecchi studi si scontra con alcuni ostacoli. 
  • Per questo motivo, molte raccomandazioni sono classificate come "forte" sebbene l'evidenza sia classificata di qualità bassa o molto bassa.
  • Le raccomandazioni delle linee guida sono contrarie allo screening o al trattamento per l'ASB nelle popolazioni seguenti (tutte forti raccomandazioni):
    • Lattanti e bambini (evidenza di bassa qualità [LQ]).
    • Donne giovani e sane, non in gravidanza (evidenza di qualità moderata [MQ]).
    • Uomini e donne anziani con ridotta funzionalità residenti nella comunità o anziani residenti in istituti di cura a lunga degenza (evidenza LQ).
    • Pazienti con diabete (evidenza MQ).
    • Pazienti che hanno superato un trapianto di rene da 1 mese o più (evidenza di alta qualità).
    • Pazienti con trapianto di organi solidi (evidenza MQ).
    • Pazienti con problemi di evacuazione dopo lesione a midollo spinale (evidenza LQ).
    • Pazienti con catetere permanente a breve o lungo termine (evidenza LQ).
    • Con chirurgia elettiva non urologica (evidenza LQ).
  • Si raccomandano invece lo screening e il trattamento nelle donne in gravidanza (forte raccomandazione/evidenza MQ).
  • Evidenza insufficiente per i pazienti con neutropenia e pazienti con rimozione di catetere permanente.