I seguenti fattori legati alle pazienti influenzano lo screening del tumore mammario: metanalisi

  • Grimley CE & al.
  • Br J Health Psychol
  • 26/12/2019

  • Miriam Davis, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Secondo questa metanalisi di 65 studi europei, la partecipazione allo screening del tumore mammario è associata, tra gli altri fattori di tipo sanitario, al possesso di un’assicurazione sanitaria, a maggiori benefici percepiti e alla motivazione nei riguardi della mammografia.

Perché è importante

  • Dato che i due terzi dei tumori mammari sono autoindividuati, è importante comprendere cosa motiva le pazienti a sottoporsi allo screening.
  • La comprensione da parte del medico delle convinzioni di tipo sanitario legate allo screening può consentire di sfruttare fattori che migliorino la probabilità che una paziente si sottoponga allo screening.

Disegno dello studio

  • Una metanalisi di 65 studi europei dopo una ricerca in 5 database (CINAHL, MEDLINE, PsycINFO, Scopus e ASSIA).
  • È stata calcolata la differenza media standard (d) per la dimensione dell’effetto, interpretata con il metodo di Cohen.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • Livelli inferiori di partecipazione allo screening erano associati (d di Cohen) a:
    • Non aver mai effettuato uno screening cervicale: −0,72 (P
    • Barriere percepite più elevate alla mammografia: −0,40 (P
  • Livelli più elevati di partecipazione allo screening erano associati (d di Cohen) a:
    • Assicurazione sanitaria privata: 0,49 (P
    • Vantaggi percepiti maggiori: 0,31 (P
    • Motivazione nei riguardi della mammografia: 0,36 (P=0,003).
    • Gravità percepita maggiore: 0,24 (P=0,019).
    • Maggiore suscettibilità percepita per il tumore mammario: 0,20 (P=0,024).
  • Un tempo maggiore alla presentazione era associato a presenza di un sintomo diverso da un nodulo: d, 0,32 (P

Limiti

  • Eterogeneità tra gli studi.