I pazienti in dialisi sono incerti o eccessivamente ottimisti sulla prognosi


  • Elena Riboldi — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Nei pazienti sottoposti a dialisi, aspettative sulla prognosi incerte o eccessivamente ottimistiche limitano la pianificazione delle cure e l’espressione di disposizioni anticipate di trattamento, contribuendo a cure intensive nel fine-vita.

 

Descrizione dello studio

  • Lo studio ha coinvolto 1.434 pazienti in dialisi presso 31 centri dialisi degli Stati Uniti.
  • Ai pazienti è stato chiesto: “Quanto pensi che viva una persona della tua età e con le tue condizioni di salute?” (10 anni, non so).
  • Le altre domande riguardavano le preferenze di trattamento e il fine-vita.
  • L’analisi è stata corretta per le caratteristiche dei partecipanti.
  • Utilizzando i dati contenuti nel United States Renal Data System è stata creata una coorte di confronto (n=307.602)
  • Fonte di finanziamento: National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases.

 

Risultati principali

  • Il tasso di risposta è stato 69,5% (n=996; età media 62,7±13,9 anni).
  • L’11,2% dei pazienti ha selezionato una prognosi 10 anni e il 40,6% ha risposto “non so”.
  • Nella coorte di confronto, il 60,3% dei pazienti è deceduto entro 5 anni, il 19,0% entro 10 anni e il 20,7% dopo almeno 10 anni.
  • Rispetto ai pazienti che si aspettavano una prognosi inferiore a 5 anni, i pazienti che pensavano di vivere oltre 10 anni avevano minori probabilità di avere nominato un fiduciario (OR 0,6; IC 95% 0,4-0,9), di avere firmato preferenze di trattamento (OR 0,4; 0,2-0,6), di dare maggior valore al comfort che al prolungamento della vita (OR 0,1; 0,04-0,3) e avevano maggiori probabilità di desiderare la rianimazione cardiopolmonare (OR 5,3; 3,2-8,7) e la ventilazione meccanica (OR 2,2; 1,2-3,7).
  • Associazioni simili sono state riscontrate nei pazienti che avevano risposto di essere incerti sulla prognosi.

 

Limiti dello studio

  • Il questionario non è validato.

 

Perché è importante

  • I pazienti con malattia renale avanzata sottoposti a dialisi hanno un’aspettativa di vita ridotta.
  • Il nefrologo dovrebbe discutere apertamente della prognosi, in modo che le aspettative del paziente siano realistiche e che questi possa esprimere anticipatamente i propri desideri sulle cure a cui essere sottoposto.