I pazienti con artrite reumatoide rispondono meglio alla vaccinazione antinfluenzale per gli anziani


  • Elena Riboldi — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Nei pazienti adulti con artrite reumatoide (AR), la vaccinazione anti-influenzale trivalente ad alto dosaggio (HD-TIV) è più immunogenica della vaccinazione anti-influenzale quadrivalente a dosaggio standard (SD-QIV).
  • L’uso della formulazione HD-TIV non si associa a un aumento degli eventi avversi e non modifica l’attività dell’AR.

 

Descrizione dello studio

  • Lo studio in doppio-cieco ha arruolato 279 pazienti canadesi adulti con AR positivi per il fattore reumatoide e/o peptide ciclico citrullinato in cura con DMARDs e/o farmaci biologici.
  • I pazienti sono stati randomizzati (1:1; stratificazione per trattamento) per ricevere la formulazione SD-QIV (15 µg di emagglutinina [HA] per ceppo) o la formulazione HD-TIV (60 µg di HA per ceppo).
  • L’esito primario era il tasso di sieroconversione al giorno 28.
  • La sicurezza della vaccinazione è stata valutata su un periodo di 6 mesi.
  • Fonte di finanziamento: Arthritis Society-Canada.

 

Risultati principali

  • L’analisi ha incluso 136 pazienti del gruppo SD-QIV e 138 del gruppo HD-TIV.
  • La probabilità di sieroconversione era più alta per i pazienti del gruppo HD-TIV che quelli del gruppo SD-QIV: OR 2,99 (95%CI 1,46-6,11) per il ceppo A/H3N2; OR 1,95 (1,19-3,22) per il ceppo B/Bris; OR 3,21 (1,57-6,56) e OR 2,44 (1,18-5,06) per il ceppo A/H1N1, rispettivamente nella stagione 2016-2017 e in quella 2017-2018.
  • I risultati erano simili per i pazienti che assumevano DMARD (metotrexato, idrossiclorochina e sulfasalazina) in monoterapia o in associazione e per quelli che assumevano un farmaco biologico anti-TNF o anti-IL-6 con o senza DMARD.
  • Gli eventi avversi locali e sistemici erano simili con entrambe le formulazioni e in nessuno dei due gruppi è stato riportato un evento avverso grave nei primi 28 giorni dalla vaccinazione.
  • In entrambi i gruppi, la vaccinazione non ha aumentato l’attività della malattia.

 

Limiti dello studio

  • È uno studio di piccole dimensioni.

 

Perché è importante

  • I pazienti con AR hanno un rischio più alto di contrarre l’influenza stagionale e di andare incontro a complicanze, ma rispondono meno alla vaccinazione.
  • I risultati di questo studio costituiscono la prima evidenza a sostegno dell’utilizzo della formulazione HD-TIV, originariamente sviluppata per i soggetti anziani, nei pazienti adulti con AR.