I modelli alimentari correlati a infiammazione sono legati a un aumento della mortalità delle sopravvissute al tumore ovarico

  • Sasamoto N & al.
  • Br J Cancer

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Un’alimentazione altamente infiammatoria dopo la diagnosi è associata a un aumento della mortalità delle sopravvissute al tumore ovarico.

Perché è importante

  • Esistono dati limitati su modelli alimentari correlati a infiammazione e mortalità delle sopravvissute al tumore ovarico.

Disegno dello studio

  • Studio di 1.003 sopravvissute al tumore ovarico dello studio sulla salute delle infermiere (Nurses’ Health Study, NHS) e del NHSII.
  • Il pattern infiammatorio alimentare empirico (empirical dietary inflammatory pattern, EDIP) e l’indice alternativo dell’alimentazione sana (Alternative Healthy Eating Index, AHEI) sono stati calcolati in base a questionari sulla frequenza di assunzione degli alimenti.
  • Finanziamento: National Institutes of Health (NIH).

Risultati principali

  • Il punteggio EDIP e l’indice AHEI prima della diagnosi non sono risultati associati alla mortalità.
  • Nelle pazienti affette da tumori sierosi non di alto grado un punteggio EDIP post-diagnosi più elevato è risultato associato a un aumento del rischio di mortalità per tutte le cause (HR5° vs. 1° quintile, 1,95; IC 95%, 1,04–3,67).
  • Rispetto alle pazienti la cui alimentazione è stata costantemente poco infiammatoria, quelle con un’alimentazione costantemente altamente infiammatoria hanno evidenziato un rischio maggiore di:
    • mortalità specifica per il tumore ovarico (HR=1,58; IC 95%, 1,09–2,30);
    • mortalità per tutte le cause (HR=1,55; IC 95%, 1,10–2,19).
  • Le sopravvissute al tumore ovarico che sono passate da un’alimentazione poco infiammatoria nel periodo prima della diagnosi a un’alimentazione altamente infiammatoria dopo la diagnosi hanno evidenziato un aumento del rischio di mortalità per tutte le cause (HR=1,44; IC 95%, 1,06–1,95).

Limiti

  • Campione di dimensioni limitate per le analisi stratificate.