I FANS perioperatori migliorano gli esiti a lungo termine dopo il trattamento oncologico chirurgico?

  • Shaji S & al.
  • Curr Oncol Rep

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’uso perioperatorio dei FANS può essere associato a un aumento della sopravvivenza libera da malattia (disease-free survival, DFS) e della sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) dopo il trattamento oncologico chirurgico.

Perché è importante

  • Lo stress chirurgico spesso causa infiammazione locale e sistemica, che può aumentare la probabilità di recidiva o di metastasi del tumore dopo il trattamento oncologico chirurgico.

Disegno dello studio

  • I ricercatori hanno condotto una metanalisi di 16 studi identificati mediante una ricerca della letteratura in database elettronici.
  • Esito primario: DFS; esito secondario: OS.
  • Finanziamento: nessuno rivelato.

Risultati principali

  • L’uso perioperatorio di FANS è risultato associato a (HR; IC 95%):
    • DFS maggiore (0,84; 0,73–0,97; P=0,02; I2, 60%) e
    • OS maggiore (0,78; 0,64–0,94; P=0,010).
  • Non è stata osservata alcuna differenza in termini di DFS per tipi diversi di FANS.
  • L’uso di ketorolac è risultato associato a un miglioramento significativo della OS (HR=0,63; IC 95%, 0,42–0,95; P=0,03).
  • L’analisi del momento di somministrazione dei FANS non ha evidenziato alcuna associazione significativa tra uso di FANS e DFS e OS.
  • L’analisi del tipo di tumore ha indicato un’associazione tra uso di FANS ed esiti in termini di sopravvivenza dei tumori mammari e ovarici.

Limiti

  • Eterogeneità tra gli studi.
  • Rischio di distorsione da selezione.