I difetti congeniti sono legati al rischio di tumori pediatrici

  • Lupo PJ & al.
  • JAMA Oncol
  • 20/06/2019

  • Deepa Koli
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • È stato osservato un rischio di cancro significativo nei bambini con anomalie cromosomiche e difetti congeniti non cromosomici.
  • Il rischio aumenta all’aumentare del numero di difetti congeniti riportati per bambino.

Perché è importante

  • Se confermati prospetticamente, i risultati informeranno i protocolli di sorveglianza oncologica nei bambini con specifici difetti congeniti.

Disegno dello studio

  • 10.181.074 bambini nati tra il 1992 e il 2013 sono stati seguiti fino a 18 anni di età.
  • Finanziamento: Cancer Prevention and Research Institute of Texas; National Cancer Institute.

Risultati principali

  • Il follow-up mediano era di 8,5 anni nei bambini senza difetti congeniti e di 8,1 anni nei bambini con difetti congeniti.
  • Rispetto ai bambini senza difetti congeniti, il rischio di cancro era significativo:
    • nei bambini con anomalie cromosomiche (n=539.567) (HR=11,6; IC 95%, 10,4–12,9);
    • nei bambini con difetti congeniti non cromosomici (n=2.123) (HR=2,5; IC 95%: 2,4–2,6).
  • Il rischio di cancro aumentava all’aumentare del numero di difetti congeniti non cromosomici.
    • I bambini con ≥4 difetti congeniti gravi avevano una probabilità 5,9 volte (IC 95%: 5,4–6,5 volte) maggiore di ricevere una diagnosi di cancro rispetto a quelli senza. 
  • Quaranta dei 72 pattern specifici di associazione tra difetti congeniti e tumori pediatrici erano statisticamente significativi (P corretto
  • I tumori più frequenti associati ai difetti non cromosomici erano epatoblastoma e neuroblastoma.

Limiti

  • Meno uniformità nelle procedure di sorveglianza dei difetti congeniti.