Humanitas University e Bambino Gesù insieme per formazione Paesi poveri

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 9 mag. (Adnkronos Salute) - Humanitas University e ospedale Bambino Gesù alleati su iniziative di cooperazione internazionale. E' stato firmato oggi a Milano un accordo tra l'ateneo alle porte del capoluogo lombardo e l'Irccs pediatrico di Roma, finalizzato allo sviluppo di nuovi progetti di formazione dei medici e del personale sanitario dei 12 Paesi in via di sviluppo in cui l'ospedale della Santa Sede è presente con iniziative di sostegno alle comunità locali. L'intesa, della durata di 3 anni, è stata siglata in Humanitas University dal rettore Marco Montorsi, dal consigliere delegato Giorgio Ferrari e dalla presidente del Bambino Gesù, Mariella Enoc.

L'accordo - spiega una nota - rappresenta un'ulteriore tappa di una partnership consolidata, avviata nel 2019 con la realizzazione congiunta di corsi di formazione a distanza per i medici e gli infermieri dell'ospedale di Bangui, in Centrafrica; con la partecipazione del personale sanitario del Bambino Gesù a master specialistici in neuroscienze promossi da Humanitas University, e con tirocini in ambito pediatrico e neonatale per gli studenti dell'ateneo milanese presso l'ospedale Pediatrico a Roma. Con il protocollo di oggi, in particolare, prende il via la possibilità per i medici specializzandi di Humanitas University di partecipare alle missioni promosse dal Bambino Gesù nell'ambito dei programmi di cooperazione internazionale in Paesi in via di sviluppo in Africa, Asia e Sud America, nonché lo sviluppo di nuovi progetti di formazione del personale sanitario locale in diverse specialità pediatriche, anche attraverso piattaforme di e-lerning.

L'obiettivo comune è "trasferire le conoscenze nel campo della medicina e sviluppare le competenze degli operatori sanitari dei Paesi in cui, a causa dei conflitti o di condizioni di particolare povertà, i bambini malati hanno minori opportunità per crescere".

"Scegliere di essere medico vuol dire scegliere di mettersi al servizio degli altri, di prendersi cura di chi è sofferente - afferma Montorsi - Questo è uno dei principi cardine che insegniamo ai nostri studenti e specializzandi e l'accordo con un partner come il Bambino Gesù ci permette di offrire ai nostri ragazzi non solo un'esperienza formativa, ma una vera e propria esperienza di vita unica", afferma Montorsi.

"Il nuovo accordo con Humanitas University arricchisce e valorizza lo spirito con il quale l'ospedale si prende cura dei bambini e dei ragazzi malati e sofferenti di tutto il mondo - dichiara Enoc - Le nostre attività internazionali, sviluppate con la vicinanza costante di importanti istituzioni, permettono di condividere il grande patrimonio di conoscenza clinica e di ricerca scientifica maturato nel tempo per metterlo al servizio dei bambini che ne hanno bisogno".