HNSCC: la conta dei neutrofili predice la sopravvivenza post-RT

  • J Transl Med

  • Brian Richardson, PhD
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una conta dei neutrofili innalzata prima del trattamento è associata a una scarsa sopravvivenza ed esiti in termini di controllo nei pazienti con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo (head and neck squamous cell carcinoma, HNSCC) dopo radioterapia (RT) definitiva.

Perché è importante

  • Sono necessari strumenti prognostici migliori per l’HNSCC; i marcatori infiammatori come la conta dei neutrofili rappresentano un metodo promettente.

Risultati principali

  • Una conta dei neutrofili innalzata prima del trattamento era associata a una OS (HR: 1,28; P=0,03), sopravvivenza tumore-specifica (cancer-specific survival, CSS; HR: 1,32; P<0,01) e controllo a distanza (distant control, DC; HR: 1,48; P<0,01) inferiori nell’analisi multivariata.
  • La conta dei neutrofili post-trattamento era associata all’OS (HR: 1,35; P=0,02) e al controllo locale (HR: 1,58; P<0,01).
  • In generale, anche il nadir dei neutrofili era associato alla OS (HR: 1,36; P<0,01).

Disegno dello studio

  • In 196 pazienti con HNSCC (orofaringeo o laringeo) sottoposti a RT sono state analizzate le associazioni tra conta dei neutrofili e dei linfociti pre-trattamento ed esiti.
  • Finanziamento: nessuno.

Limiti

  • Studio retrospettivo.
  • Combinazione di 2 sottosedi di HNSCC.
  • Risposta eterogenea dei pazienti alla terapia.