Helicobacter pylori: la persistenza dell’infezione aumenta il rischio di adenoma colorettale


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • L’infezione persistente da Helicobacter pylori può indicare un incremento del rischio di adenoma colorettale (AC), mentre l’eradicazione eseguita con successo porta a una riduzione della proporzione di adenomi.
  • Questo è il primo studio che dimostra una relazione causa-effetto tra infezione da H. pylori e formazione di AC, ma servono ulteriori studi per comprendere in meccanismi alla base dell’associazione.
  • L’eradicazione di H. pylori è importante per ridurre non solo il rischio di tumori gastrici, ma anche la probabilità di sviluppare AC.

Descrizione dello studio

  • Lo studio retrospettivo di coorte ha incluso 615 adulti senza storia di AC o cancro al basale che si sono sottoposti a esami di screening ripetuti regolarmente (inclusa endoscopia gastrointestinale bidirezionale) tra luglio 2006 e giugno 2015.
  • Per ciascun partecipante è stato eseguito l’esame di un campione bioptico per la ricerca di H. pylori.
  • Fonte di finanziamento: Mackay Memorial Hospital, Taiwan.

Risultati principali

  • Nel corso del follow-up, il tasso di incidenza di progressione dell’AC è stato di 160,52 per 1.000 anni-persona in caso di persistenza dell’infezione da H. pylori (gruppo persistenza) e di 51,60 per 1.000 anni-persona nei pazienti nei quali l’infezione era stata eradicata con successo (gruppo eradicazione) (P=0,0003).
  • Dopo aggiustamento per fattori confondenti, il gruppo persistenza ha mostrato un rischio maggiore di AC rispetto al gruppo eradicazione (hazard ratio=3,04).
  • La proporzione di AC dei soggetti senza infezione da H. pylori è risultata simile a quella dei soggetti del gruppo eradicazione (23,93% vs 20,12%; P=0,328).

Limiti dello studio

  • Le dimensioni del campione erano limitate.
  • Non è possibile escludere la presenza di fattori confondenti residui.

Perché è importante

  • I polipi colorettali adenomatosi rappresentano una lesione pre-cancerosa che può evolvere in carcinoma.
  • L’infezione da H. Pylori rappresenta un fattore di rischio per lo sviluppo di carcinoma colorettale.
  • Identificare fattori di rischio per polipi adenomatosi del colon retto potrebbe migliorare lo screening e la prevenzione del carcinoma colorettale.