Guida degli esperti per il trattamento del CRC metastatico con mutazione BRAFV600E

  • Jin Z & al.
  • Expert Rev Anticancer Ther
  • 27/08/2019

  • Jim Kling
  • Univadis Clinical Summaries
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Una revisione e un parere degli esperti offrono una guida per il trattamento di tumori con instabilità microsatellitare-H (microsatellite instability-H, MSI-H)/deficit della riparazione del mismatch del DNA (deficient DNA mismatch repair, dMMR), l’intensificazione del trattamento e il trattamento combinato nel tumore colorettale metastatico (metastatic colorectal cancer, mCRC).

Perché è importante

  • Recentemente si sono avuti progressi significativi nel migliorare i tassi di risposta nell’mCRC con mutazione BRAFV600E, che risponde scarsamente alla chemioterapia standard.

Punti salienti

  • Tutti i pazienti con mCRC devono essere sottoposti al test di un pannello di mutazioni tumorali che include RAS e BRAF.
  • I tumori MSI-H o MSI-H/dMMR, indipendentemente dallo stato mutazionale BRAFV600E, devono essere trattati con immunoterapia, che ha evidenziato una risposta alta e duratura.
  • Nei pazienti con mCRC con mutazione BRAFV600E e stato di validità favorevole si può valutare il trattamento intensificato con FOLFOXIRI (irinotecano, oxaliplatino, fluorouracile, folinato) + bevacizumab.
  • Un approccio triplice, che prevede un inibitore del recettore del fattore di crescita dell’epidermide (epidermal growth factor receptor, EGFR), un inibitore di BRAF e un inibitore di MEK, è efficace nei pazienti con mCRC con mutazione BRAFV600E.
  • La strategia terapeutica ottimale per evitare la farmacoresistenza acquisita non è stata ancora determinata.

Limiti

  • Parere degli esperti.