Grillo, 'risolveremo carenza medici, non arriveremo a farli resuscitare'


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 12 giu. (AdnKronos Salute) - "E' un momento particolare per il Ssn, abbiamo dovuto fare salti mortali per non chiudere reparti in Molise. C’è una carenza di medici specialisti che sta mettendo in ginocchio il Paese da Nord a Sud, alcune Regioni hanno pensato di far rientrare i medici dalla pensione, altre di chiamare quelli militari, ma piano piano arriveremo a pensare di far resuscitare i medici”. Lo ha affermato il ministro della Salute Giulia Grillo intervenendo all’assemblea Anaao giovani Als (Associazioni liberi specializzandi).

"Ci sono molti ostacoli burocratici e amministrativi - ha aggiunto il ministro - vogliamo portare a casa la riforma della formazione post laurea che abbrevi o annulli i tempi morti: quindi, laurea abilitante e ingresso immediato nella specialità durante tutto l’anno. Si fa così in tutta Europa e non vedo perché da noi no. Oggi il sistema è anacronistico e osceno, abbiamo medici che rimangono a spasso o vanno all’estero e poi mancano gli specialisti. Un paradosso assurdo".

"Abbiamo inserito - rimarca il ministro - una serie di norme emergenziali che non sono perfette, ma è il massimo che possiamo fare con le leggi attuali. Stiamo decomprimendo la situazione che non è più rinviabile. Se superiamo indenne il decreto legge Calabria - conclude Grillo - dobbiamo di corsa raggiungere l’obiettivo della riforma".