Gli scienziati sviluppano un gel iniettabile per facilitare la somministrazione della terapia a base di cellule CAR-T ai tumori solidi

  • Grosskopf AK & al.
  • Sci Adv

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • Alcuni ricercatori hanno sviluppato un nuovo gel a 2 ingredienti che potrebbe rivoluzionare la somministrazione dell’immunoterapia oncologica.

Punti salienti

  • Le terapie a base di linfociti T con recettore chimerico dell’antigene (chimeric antigen receptor [CAR] T-cell, cellule CAR-T) attualmente disponibili vengono somministrate mediante infusione endovenosa.
  • Benché questo approccio possa essere efficace per i tumori ematologici, la diffusione delle cellule in tutto il torrente ematico ne indebolisce la capacità di infiltrare i tumori solidi, densi.
  • Per guidare l’attacco delle cellule CAR-T sarebbero inoltre necessarie citochine; se tuttavia la somministrazione fosse per via endovenosa, il numero di citochine necessarie per distruggere un tumore solido sarebbe tossico per i tessuti sani.
  • Per risolvere questo problema, gli scienziati hanno creato un idrogel che agisce da vettore temporaneo per le cellule CAR-T e le citochine e può essere iniettato in prossimità di un tumore, mirando direttamente alla massa tumorale.
  • Il gel, composto da acqua e un polimero di origine vegetale, è progettato per rilasciare cellule CAR-T attivate a intervalli regolari.
  • A differenza di un liquido, che può dissiparsi rapidamente, la struttura del gel rimane intatta per un periodo molto più lungo.
  • Il gel è inoltre biocompatibile e innocuo per l’organismo.
  • Gli scienziati condurranno sul gel studi preclinici prima della sperimentazione nell’uomo.