Gli omega-3 possono migliorare i disturbi del sonno e dell’umore associati alla terapia ormonale per il tumore mammario

  • Nourosi B & al.
  • Research Square (Preprint)

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’integrazione di omega-3 migliora i sintomi dei disturbi dell’umore e del sonno associati alla terapia ormonale delle pazienti affette da tumore mammario.

Perché è importante

  • Gli inibitori del recettore degli estrogeni utilizzati per il trattamento del tumore mammario sono stati associati a effetti collaterali a lungo termine tra cui vampate di calore, sudorazione notturna e cambiamenti dell’umore e del sonno.

Disegno dello studio

  • In una sperimentazione randomizzata e controllata (randomized controlled trial, RCT), 60 pazienti sottoposte a screening dei disturbi dell’umore al basale sono state assegnate a un integratore di omega-3 o a placebo da assumere ogni giorno per 4 settimane.
  • Finanziamento: Isfahan University of Medical Sciences, Iran.

Risultati principali

  • Al follow-up dopo 4 settimane, il gruppo che aveva ricevuto omega-3 presentava valori medi significativamente inferiori, rispetto al gruppo placebo, dei seguenti punteggi:
    • scala della depressione del Centro di studi epidemiologici (Center for Epidemiological Studies–Depression scale; 22,8 vs. 30,8; P<0,001);
    • profilo dello stato dell’umore (Profile of Mood State; 30,8 vs. 39,5; P<0,001);
    • indice della qualità del sonno di Pittsburgh (Pittsburgh Sleep Quality Index, PSQI; 4,6 vs. 5,9; P=0,04).
  • I confronti di campioni appaiati in base al t-test del gruppo assegnato a omega-3 rispetto al gruppo placebo hanno evidenziato punteggi medi inferiori delle seguenti sottoscale del PSQI:
    • qualità soggettiva del sonno (0,8 vs. 1,4; P=0,002);
    • ritardo dell’addormentamento (1,1 vs. 1,6; P=0,02);
    • disturbi del sonno (0,8 vs. 1,1; P=0,005).
  • Non si sono verificate reazioni avverse significative in nessuno dei due gruppi.

Limiti

  • Campione di piccole dimensioni.
  • Follow-up di breve durata