Gli esiti della chirurgia bariatrica non sono gli stessi per adolescenti e adulti


  • Cristina Ferrario — Agenzia Zoe
  • Sintesi della letteratura
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Messaggi chiave

  • Dopo 5 anni dall’intervento di bypass gastrico Roux-en-Y, adolescenti e adulti mostrano una perdita di peso duratura e di simile entità.
  • Le remissioni del diabete di tipo 2 e dell’ipertensione si osservano con maggior frequenza negli adolescenti che negli adulti.

Descrizione dello studio

  • Gli effetti dell’intervento di bypass gastrico Roux-en-Y sono stati valutati in una coorte di 161 adolescenti arruolati dal 2006 al 2012 e in una coorte di 396 adulti arruolati dal 2006 al 2009.
  • Le due popolazioni erano parte di studi legati tra di loro, ma indipendenti.
  • Sono stati confrontati gli esiti in termini di peso e di condizioni coesistenti tra le coorti a 5 anni dopo l’intervento.
  • Sono stati inoltre confrontati tra le due coorti i tassi di decesso, successivi interventi addominali e livelli di micronutrienti selezionati fino a 2 anni dopo l’intervento.
  • Fonte di finanziamento: National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases.

Risultati principali

  • L’analisi non ha mostrato differenze significative nella percentuale di perdita di peso tra adolescenti (-26%) e adulti (-29%) a 5 anni dall’intervento chirurgico (P=0,08).
  • La remissione del diabete di tipo 2 è risultata molto più probabile negli adolescenti che negli adulti (86% vs. 53%; risk ratio 1,27), così come la remissione dell’ipertensione (68% vs. 41%; risk ratio: 1,51).
  • Nei 5 anni successivi all’intervento si sono verificati tre decessi tra gli adolescenti (1,9%) e sette tra gli adulti (1,8%).
  • Il tasso di nuovi interventi addominali è risultato significativamente più elevato tra gli adolescenti che tra gli adulti (19 vs. 10 nuove operazioni per 500 anni-persona; P=0,003).
  • Il numero di soggetti con bassi livelli di ferritina è risultato più elevato negli adolescenti che negli adulti (48% vs. 29%; P=0,004).

Limiti dello studio

  • Lo studio ha un disegno osservazionale, mancano controlli non-chirurgici e per alcuni esiti i dati sono scarsi.
  • Non è possibile escludere la presenza di bias nella popolazione adulta.
  • Sono presenti differenze tra popolazione adulta e adolescente nella disponibilità dei dati nel periodo di osservazione.

Perché è importante

  • La chirurgia bariatrica, in genere effettuata nella quarta o quinta decade di vita, è efficace per trattare l’obesità grave.
  • L’obesità insorta in adolescenza e mantenuta fino all’età adulta aumenta la probabilità di complicazioni e decesso.
  • Numerosi studi suggeriscono che questa obesità possa aumentare anche la probabilità che i pazienti che si sottopongono da adulti alla chirurgia bariatrica presentino comorbilità come diabete o ipertensione.
  • È importante comprendere se l’intervento bariatrico effettuato in adolescenza si possa tradurre in esiti diversi rispetto a quello effettuato in età adulta, dopo diversi anni di obesità.