Gli antibiotici possono ridurre l’efficacia dei TKI nei pazienti affetti da melanoma e NSCLC in stadio avanzato

  • Tinsley N & al.
  • ESMO Open

  • Univadis
  • Notizie di oncologia
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Conclusioni

  • L’uso di antibiotici (ABX) è associato a una riduzione della sopravvivenza libera da progressione (progression-free survival, PFS) e della sopravvivenza complessiva (overall survival, OS) dei pazienti affetti da melanoma e da tumore polmonare non a piccole cellule (non-small cell lung cancer, NSCLC) in stadio avanzato trattati con inibitori tirosin-chinasici (tyrosine-kinare inhibitor, TKI).

Perché è importante

  • I risultati integrano il crescente numero di evidenze che stabiliscono gli effetti sfavorevoli dell’uso di ABX per i pazienti che ricevono terapie oncologiche.

Disegno dello studio

  • L’analisi multivariabile ha incluso 168 pazienti affetti da melanoma (n=79) e NSCLC (n=89) in stadio avanzato che hanno ricevuto terapia di prima linea con un TKI tra gennaio 2015 e aprile 2017 presso il Christie NHS Foundation Trust.

  • Sono state confrontate PFS e OS dei pazienti che hanno ricevuto ABX entro 2 settimane dall’avvio del trattamento con TKI e fino a 6 settimane dopo il trattamento (gruppo ABX+) e quelli che non hanno ricevuto ABX durante lo stesso periodo (gruppo ABX-).

  • Finanziamento: nessuno.

Risultati principali

  • Dei 168 pazienti affetti da melanoma e NSCLC in stadio avanzato, 55 (33%) hanno ricevuto trattamento con ABX.

  • Nell’analisi univariabile il gruppo ABX+ ha evidenziato una riduzione significativa della PFS (208 vs. 357 giorni; P=0,008) e dell’OS (294 vs. 438 giorni; P=0,024) rispetto al gruppo ABX-.

  • Nell’analisi multivariabile il gruppo ABX+ ha evidenziato una riduzione della PFS (HR corretto [adjusted HR, aHR]=1,707; IC 95%, 1,147–2,539; P=0,008) e dell’OS (aHR=2,236; IC 95%, 1,473–3,394; P<0,001) rispetto al gruppo ABX-.

  • L’effetto negativo degli ABX sull’OS è risultato più pronunciato nei pazienti con stato di validità ≥2 secondo l’Eastern Cooperative Oncology Group (aHR=3,82; IC 95%, 1,18–12,36; P=0,025).

Limiti

  • Disegno retrospettivo.