Giordano Beretta presidente Aiom, Saverio Cinieri presidente eletto


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 28 ott. (Adnkronos Salute) - Giordano Beretta, responsabile di Oncologia medica all'Humanitas Gavazzeni di Bergamo, è il nuovo presidente dell'Aiom-Associazione italiana di oncologia medica. Entra in carica dopo essere stato nell'ultimo biennio presidente eletto, ruolo che ora verrà ricoperto da Saverio Cinieri, direttore di Oncologia medica e Breast Unit dell'Asl di Brindisi, per 10 anni nel direttivo Aiom con diversi incarichi. Massimo Di Maio (Torino) sarà segretario e Antonio Russo (Palermo) tesoriere.

Le elezioni si sono svolte nell'ambito del XXI Congresso nazionale della società scientifica che rappresenta oltre il 95% degli oncologi medici italiani. Durante il summit - che si è chiuso a Roma con la partecipazione di oltre 3 mila specialisti da tutta Italia - è stato nominato tutto il nuovo direttivo nazionale Aiom, in carica fino al 2021 e composto da Ugo De Giorgi, Rita Chiari, Francesco Perrone, Nicola Silvestris, Dario Giuffrida, Nicla La Verde, Marcello Tucci e Lucia Del Mastro.

"Lavorerò intensamente affinché l'Aiom continui ad essere il punto di riferimento per tutte le persone che si occupano di oncologia, per le Istituzioni e i cittadini - dichiara Beretta, milanese, classe 1958 - Nel prossimo biennio cercherò quindi di implementare quanto realizzato finora: lanceremo nuovi progetti per i neo specialisti e intensificheremo la collaborazione con le società scientifiche internazionali. Infine, lavoreremo intensamente per sensibilizzare tutta la popolazione sul ruolo della prevenzione primaria e secondaria".

"E' un grande onore per me servire l'Aiom e l'oncologia italiana - afferma Cinieri, nato Francavilla Fontana (Brindisi) nel 1960 - Lavorerò con i prossimi direttivi perché la nostra associazione scientifica raggiunga obiettivi sempre più elevati e coerenti con il ruolo dell'oncologo medico. Nei prossimi anni dovremo lavorare ancora di più con le società oncologiche del mondo e porgere particolare attenzione al ruolo della comunicazione e degli interplay con i media".