Gimbe, frena discesa casi, in 22 province tornano a salire

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 9 giu. (Adnkronos Salute)() - il monitoraggio della Fondazione Gimbe rileva, nella settimana 1-7 giugno, che "frena la discesa nazionale dei nuovi casi (-7,8%), che salgono in 22 province. Giù terapie intensive (-11,7%), ricoveri ordinari (-15,2%) e decessi (-28,3%)". "Frena la discesa dei nuovi casi settimanali (-7,8% rispetto alla settimana precedente) – afferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – che si attestano intorno a quota 122 mila con una media mobile a 7 giorni di poco superiore ai 17 mila casi giornalieri con una curva in fase di plateau e condizionata dal netto calo dell’attività di testing nel lungo ponte del weekend scorso (-17,7% tamponi totali)".

"Rispetto alla settimana precedente, in 85 province si registra una riduzione percentuale dei nuovi casi (dal -0,3% di Parma al -35,2% di Aosta); salgono da 2 a 22 - avverte il report - le province in cui si rileva un aumento (dal +0,4% di Messina, Padova e Roma al +20,2% di Enna), in 7 casi superiore al 10%. In nessuna provincia l’incidenza supera i 500 casi per 100.000 abitanti, attestandosi tra gli 86 casi per 100.000 abitanti di Bergamo e i 374 di Cagliari".