Gimbe, +55% casi in 7 giorni, +33% ricoveri, +36% intensive, +18% morti

  • Univadis
  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 7 lug. (Adnkronos Salute) - Corrono i contagi Covid in Italia, con un ulteriore aumento dei nuovi casi (+55%) in tutte le regioni e in tutte le province. Negli ultimi 7 giorni crescono anche i ricoveri ordinari (+32,6%), le terapie intensive (+36,3%) e i morti (+18,4%). E' quanto emerge dal monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe, relativo al periodo 29 giugno-5 luglio.

Nella settimana in esame i nuovi contagi salgono a 595.349 (contro i 384.093 della precedente) e i decessi a 464 (27 riferiti a periodi precedenti) vs 392. In crescita anche i casi attualmente positivi (1.087.272 vs 773.450, +313.822, +40,6%), le persone in isolamento domiciliare (1.078.946 vs 767.178, +311.768, +40,6%), i ricoveri con sintomi (8.003 vs 6.035, +1.968) e le terapie intensive (323 vs 237, +86).

"L'aumento dei nuovi casi settimanali per la terza settimana consecutiva supera il 50%, con un tempo di raddoppio dei casi di circa 10 giorni - afferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe - Nella settimana 29 giugno-5 luglio i nuovi casi si attestano" appunto "oltre quota 595mila, con una media mobile a 7 giorni che supera gli 85 mila casi al giorno".

"Sul fronte degli ospedali - afferma Marco Mosti, direttore operativo della Fondazione Gimbe - continuano ad aumentare i ricoveri sia in area medica che in terapia intensiva". In particolare, in area critica, dal minimo di 183 del 12 giugno i posti letto occupati sono saliti a 323 il 5 luglio; in area medica, invece, dal minimo di 4.076 dell'11 giugno sfiorano il raddoppio, salendo a quota 8.003 il 5 luglio. Al 5 luglio il tasso nazionale di occupazione da parte di pazienti Covid è del 12,5% in area medica (dal 6,6% del Piemonte al 32,2% dell'Umbria) e del 3,5% in area critica (dallo 0% della Valle D'Aosta all'8,1% dell'Umbria).

"Segnano un netto aumento anche gli ingressi giornalieri in terapia intensiva - precisa Mosti - con una media mobile a 7 giorni di 40 ingressi/die, rispetto ai 29 della settimana precedente".