Ghinelli-Tanti, 'Tornano gli Stati generali della sanità aretina'

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Arezzo, 28 ott. (Adnkronos) - "Gli Stati generali della sanità aretina nacquero nel 2018 con la volontà politica di dare più forza al Comune in materia di scelte sanitarie e nacquero anche per dare spazio al forte dissenso verso la riforma dell'assetto sanitario che Regione Toscana definì nel 2015, le cosiddette aslone. La prima e la seconda edizione furono quindi caratterizzate da una precisa scelta politica: far sì che la voce dei Sindaci, a partire da quello di Arezzo, avessero più peso. Poi è arrivata la pandemia: tutto si è fermato, tutto è cambiato. Oggi gli Stati generali ripartono con una terza edizione che, per certi versi, possiamo definire storica. E' storica perché è la prima edizione dopo l'emergenza sanitaria mondiale che ha stravolto le nostre vite e ovviamente la sanità, è storica perché avviene in piena elaborazione del Pnrr cioè della più imponente fase di destinazione di risorse dal dopo guerra ad oggi in ambito sanitario e sociale, è storica perchè avviene in un periodo che chiede a tutte le istituzioni di tenersi insieme per disegnare un modello nuovo di risposte e di servizi che siano più vicini al cittadino e più diffusi nel territorio. Il Comune di Arezzo ha quindi deciso di accettare la sfida dando a questa edizione un profilo di profonda collaborazione istituzionale anche attraverso la scelta di stare accanto al Forum Risk". Lo affermano, in una nota congiunta, il sindaco di Arezzo, Alessandro Ghinelli, e la vice sindaca, Lucia Tanti, annunciando il ritorno degli Stati generali della sanità aretina: la terza edizione sarà il 25 novembre all'interno del "contest" del Forum Risk.

"Il 25 novembre, ultima giornata del Forum, sarà interamente dedicata alla sanità aretina con due focus centrali: il futuro del San Donato, il futuro della sanità di prossimità; il nostro l'obiettivo è dare alla Città uno spazio per conoscere e capire come cambierà la sanità con il Pnrr ma aprendo anche un dialogo - che non si interromperà ma che anzi prenderà avvio proprio il 25 novembre - tra tutti i soggetti: il Comune, la Asl che ringraziamo per la collaborazione, le professioni sanitarie, i sindacati, le pubbliche assistenze, il volontariato, il terzo settore, i cittadini".

"Un ruolo importante in questa terza edizione lo giocherà anche la Fondazione Arezzo Comunità che avrà il ruolo di "aprire le porte" alla voce del terzo settore, del volontariato e delle pubbliche assistenze non solo durante questa giornata ma anche nel futuro - sottolineano Tanti e Ghinelli - E' grazie a questa combinazione di alleanza istituzionale, dibattiti aperti, approfondimenti e partecipazione che Arezzo renderà "popolare" la più grande rivoluzione che la sanità si sia mai trovata ad affrontare in questi anni sapendo che sul tappeto ci sono molte risorse e opportunità ma anche tanti, troppi, problemi da affrontare e risolvere".