Gemelli, Festa della musica per i bimbi malati di tumore

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 20 giu. (AdnKronos Salute) - Beneficiare del potere curativo della musica, del suo far viaggiare lontano, produrre piacere, riattivare ricordi e far condividere emozioni. E' questo l'obiettivo della Festa della musica che si svolgerà domani 21 giugno al Policlinico Gemelli di Roma, un'iniziativa realizzata da artisti e volontari per i piccoli pazienti dell'Unità operativa di Oncologia pediatrica. Per l'occasione, l'Associazione Officine Buone ha allestito un palco speciale nella Hall della struttura capitolina, dove a partire dalle 11 si alterneranno le performance musicali.

Il Reparto di Oncologia pediatrica della Fondazione Policlinico universitario Gemelli Irccs e l'Associazione Officine Buone collaborano dal 2016, in particolare con il progetto 'Special Stage', la prima rassegna musicale che coinvolge giovani musicisti, cantanti e band che valorizzano il proprio talento all’interno dei reparti ospedalieri. Le performance degli artisti si realizzano la domenica pomeriggio in reparto, con cadenza quindicinale, anche con la partecipazione di importanti artisti della musica italiana e dello spettacolo (Brunori Sas, Paolo Briguglia, Claudio Santamaria, Eleonora Lipuma, Caterina Caselli, Eleonora Giovanardi e tanti altri).

"Innumerevoli studi scientifici hanno indagato il rapporto fra musica e benessere fisico e mentale - spiega Antonio Ruggiero, responsabile dell'Uo di Oncologia pediatrica - Da questi studi è stato possibile evidenziare, su basi neurochimiche documentabili, quanto la musica produca un miglioramento delle condizioni fisiche poiché promuove un miglior controllo dei valori di frequenza cardiaca e pressione arteriosa. Inoltre l'ascolto di musica è in grado di abbassare i livelli circolanti dell'ormone cortisolo, i cui livelli si innalzano vertiginosamente nelle situazioni molto stressanti e può essere un ottimo modo per gestire l'ansia, distraendosi e affrontando con uno stato d'animo più congeniale e disteso momenti di difficoltà. La musica - conclude - è capace anche di favorire il rilascio dell'ormone ossitocina che aumenta la sensazione di benessere e piacere".