Gallera, in campo per continuità servizi Riabilitazione Leno


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Brescia, 23 nov. (AdnKronos Salute) - "La Regione Lombardia, insieme all'Asst del Garda, è assolutamente determinata a garantire la continuità del servizio di assistenza medica e infermieristica della Riabilitazione di Leno e a tutelare il personale che ad oggi opera nella struttura, e dal primo gennaio verrà assorbito dal nuovo gestore". Ad assicurarlo è l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, intervenendo in merito alla gestione del servizio di Riabilitazione di Leno (Brescia) che dal primo gennaio farà capo di nuovo all'Asst del Garda.

"La sperimentazione di gestione pubblico-privata del servizio si è conclusa con successo - dice Gallera - tanto che l'azienda per dare ampia stabilità al servizio, aveva previsto un bando della durata di 25 anni che riguardava anche la ristrutturazione dello stabile. Purtroppo l'unica offerta pervenuta a seguito della gara indetta lo scorso mese di marzo finalizzata alla concessione della riabilitazione, è stata giudicata non ammissibile dalla Commissione giudicatrice. Una nuova gara verrà indetta già a partire dal 2019".

Nel frattempo "per garantire il servizio - sottolinea l'assessore lombardo - l'Asst del Garda, che gestirà direttamente la Riabilitazione di Leno riconducendo in capo a sé l'accreditamento dell'attività sanitaria, ha deliberato una procedura d'urgenza, senza bando, finalizzata all'affidamento del servizio di assistenza medica e infermieristica per la durata di 12 mesi. L'azienda ha già pubblicato l'apposito avviso esplorativo per manifestazione di interesse finalizzato all'individuazione di operatori economici idonei. L'obiettivo è tutelare al massimo anche i lavoratori che oggi operano nella struttura. Ferma restando, infatti, l'autonomia economica e organizzativa del gestore subentrante, abbiamo previsto che l'aggiudicatario sarà tenuto ad assorbire prioritariamente nel proprio organico il personale già operante presso il gestore uscente".