Fvg, prenotazione visite in farmacia anche nell'Aas 2


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Trieste, 29 ago. (AdnKronos Salute) - "I cittadini facenti capo all'azienda per l'assistenza sanitaria 2 Bassa Friulana-Isontina possono effettuare da oggi anche nelle farmacie la prenotazione di visite specialistiche presso gli ospedali e gli ambulatori del servizio sanitario". Lo annuncia il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, evidenziando come, a seguito dell'accordo sottoscritto con Federfarma che rende ora possibile questo servizio in tutta la regione, venga completato il programma di ampliamento dei canali di accesso che consente ai cittadini utenti del Servizio sanitario regionale di eseguire la prenotazione delle visite in farmacia, vicino casa e con l'assistenza del farmacista.

"Un importante vantaggio - spiega Riccardi - sarà la possibilità di pagare il ticket per queste visite direttamente in farmacia con il bancomat grazie a un nuovo Pos dedicato. E' un ulteriore atto di attenzione verso l'Aas 2 e i cittadini raggiunti dai suoi servizi. Il potenziamento della risposta ai bisogni delle persone - sottolinea il vicepresidente - continua con azioni concrete che facilitano soprattutto chi, come gli anziani, è più fragile e in difficoltà".

Si rafforza così la collaborazione tra le aziende sanitarie e la rete delle farmacie sul territorio, rispondendo in modo sempre più integrato e sinergico alla crescente domanda di servizi per la salute, evidenzia la Regione in una nota. Le farmacie e i farmacisti si sono resi disponibili a lavorare a supporto dei medici di famiglia per migliorare l'aderenza terapeutica e la promozione della salute e degli stili di vita. Inoltre, una partecipazione delle farmacie all'integrazione della piattaforma 'Sesamo' e all'implementazione del Fascicolo sanitario elettronico porterebbe a un miglioramento del dialogo tra il medico di famiglia, le farmacie e l'intero sistema sanitario. Tale collaborazione potrà contribuire a sviluppare un servizio di qualità, più semplice, tempestivo, efficace, efficiente e certamente più vicino ai cittadini.