Fvg, nel 2020 soluzione a criticità idrica ospedale Udine


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Trieste, 3 dic. (Adnkronos Salute) - "Nel 2020 verrà risolta la criticità idrica in corrispondenza al percorso che collega il Pronto soccorso dell'ospedale di Udine alla Radiologia d'urgenza, dove l'intervento non era anticipabile in quanto è stato necessario attendere il completamento della riqualificazione del Pronto soccorso per non gravare ulteriormente l'attività di questa funzione strategica. Sempre nel corso del prossimo anno, si interverrà anche nel tronco di collegamento del fabbricato di produzione dei radio farmaci (ex Ct-Pet) con le gallerie principali". Così il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, ha risposto oggi in Consiglio regionale a un'interrogazione relativa ad alcune perdite idriche avvenute nel nosocomio di Udine.

"Preme innanzitutto sottolineare - ha chiarito - che non si tratta di infiltrazioni di acqua piovana dalla copertura, se non in alcuni casi sporadici che vengono affrontati singolarmente nell'ambito delle ordinarie attività di manutenzione del fabbricato". Secondo Riccardi la problematica nasce piuttosto dal "travagliato percorso di costruzione del 1° e 2° lotto del nuovo ospedale (durato circa 11 anni) dal quale dipendono le perdite d'acqua dalle tubazioni del circuito idrico, in quanto il tempo trascorso dalla loro posa in opera, che risale in alcuni casi al 2006 e 2007, fino all'effettivo utilizzo iniziato a dicembre del 2013, ha determinato fisiologici fenomeni di deterioramento da disuso. Questi aspetti vengono costantemente monitorati attraverso i normali programmi di manutenzione e, quando necessario, corretti con adeguate riparazioni o sostituzioni".