Fvg, 16 mln per la protonterapia al Cro di Aviano


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Trieste, 30 ago. (AdnKronos Salute) - La Giunta regionale, su indicazione del vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, "ha assegnato al Centro di riferimento oncologico (Cro) di Aviano (Pordenone) quasi 16 milioni di euro per l'acquisto della strumentazione per la terapia protonica". Lo comunica la Regione Friuli Venezia Giulia in una nota.

Dopo l'approvazione del provvedimento che ha concretizzato il processo di acquisizione e finanziamento del macchinario, per una spesa complessiva di circa 32 milioni di euro in parte coperta da fondi propri dell'Istituto di ricerca, il vicepresidente ha evidenziato che "si tratta di un passo di incontestabile importanza a sostegno dell'attrattività del Cro e dell'intero sistema sanitario regionale: ci eravamo fortemente impegnati a portare ad Aviano questa terapia innovativa e, nel rispetto dei tempi e delle procedure, lo abbiamo fatto".

"Nella delibera che abbiamo approvato - ha aggiunto Riccardi - al Cro viene anche chiesto di redigere un piano per la riorganizzazione e la razionalizzazione dei servizi di radioterapia in concerto con l'Azienda servizi sanitari 5: l'obiettivo deve essere il miglioramento della qualità assistenziale e l'ottimizzazione della gestione di questo cruciale settore che incide sulla visibilità di tutto il nostro sistema sanitario". Inoltre, la Regione ha invitato il Cro a sviluppare delle partnership nazionali e internazionali che consentano, attraverso l'utilizzo della protonterapia, delle tecnologie radioterapie tradizionali e degli altri servizi offerti, di consolidare il suo prestigio come centro di rilevanza nazionale per le cure oncologiche.

Riccardi ha però evidenziato che "avere la possibilità di avvalersi di terapie all'avanguardia non è sufficiente per alimentare l'attrattività dell'Istituto. Occorre uno sforzo di sistema che faccia comprendere agli utenti e ai cittadini della regione, ma anche del resto d'Italia, che la cura delle malattie oncologiche è all'avanguardia in Friuli Venezia Giulia".