Frattura femore, Poma Mantova terzo in regione


  • Adnkronos Salute
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Mantova, 8 nov. (AdnKronos Salute) - L'ospedale Carlo Poma di Mantova si colloca al terzo posto in Lombardia per numero di interventi sulle fratture al collo del femore con 285 interventi nel 2017, il 63,95% dei quali eseguiti entro 48 ore dal ricovero, secondo la statistica del Pne (Programma nazionale esiti). In vetta l'Istituto ortopedico Galeazzi-Gruppo San Donato di Milano.

Un risultato che la struttura mantovana ha ottenuto grazie a un protocollo diagnostico terapeutico e assistenziale dedicato - spiega l'Asst - che segue il paziente ortogeriatrico in tutte le fasi di diagnosi e cura, sin dall'accesso al pronto soccorso. Il percorso prevede un approccio multidisciplinare e vede impegnate varie figure professionali: l'ortopedico, il geriatra, l'anestesista, il fisiatra, il fisioterapista e altri specialisti qualora le condizioni del paziente lo richiedano. Coinvolge inoltre lo staff infermieristico delle sale operatorie, lo staff medico degli anestesisti, bed manager e coordinatrice infermieristica dell'Ortopedia, che interviene da pronto soccorso nel caso non siano disponibili posti letto, nonché dalla continuità delle cure, che assicura la prosecuzione delle cure a domicilio o in una struttura esterna nei tempi previsti.

Si stima che ogni anno circa 80 mila italiani over 65 vengano ricoverati per una frattura al femore. I pazienti ortogeriatrici presentano fratture del femore prossimale e vengono prevalentemente trattati negli ospedali pubblici, dove raggiungono picchi di occupazione dei posti letto di oltre il 50%. "Spesso sono pazienti pluripatologici ad alto rischio - precisa Andrea Pizzoli, direttore della Struttura di Ortopedia e Traumatologia di Mantova - che solo alcuni ospedali sono in grado di gestire al meglio, grazie alla presenza della Terapia intensiva e di un percorso dedicato. Le buone pratiche e le linee guida internazionali ci dicono che è opportuno intervenire in tempi brevi. Per questo lo standard identificato da Regione Lombardia è di 2 giorni dal ricovero".