Fp Cgil Medici, in Emilia R. primo protocollo contro aggressioni


  • Adnkronos Sanità
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Roma, 23 gen. (AdnKronos Salute) - "Bene l'Emilia Romagna, prima fra tutte le Regioni italiane a dare il via a un protocollo d'intesa, sottoscritto all'unanimità dalle organizzazioni sindacali di categoria, contro le aggressioni dei lavoratori della sanità". A dirlo il segretario nazionale della Fp Cgil Medici e dirigenti Ssn, Andrea Filippi, e il segretario regionale della categoria, Vittorio Dalmastri.

"Finalmente viene affrontato in maniera globale un problema molto complesso che avevamo particolarmente a cuore, non solo con l'aumento delle misure di vigilanza - sottolineano - ma soprattutto attraverso la formazione e la piena presa in carico del lavoratore vittima di aggressione: i direttori generali sono finalmente chiamati a essere responsabili in prima persona della tutela della sicurezza degli operatori".

Secondo i due dirigenti sindacali, si tratta di "un risultato importante che si aggiunge all'impegno preso ieri dall'Emilia Romagna, prima in Italia, per l'avvio del confronto regionale per l'applicazione del contratto collettivo nazionale della dirigenza medica e sanitaria siglato lo scorso 19 dicembre. Nel rinnovo del contratto nazionale, l'Emilia Romagna è stata trainante per il buon esito delle trattative. Ora con l'apertura del confronto si propone come capofila nella sua corretta applicazione a beneficio dei professionisti che lavorano quotidianamente per la salute della cittadinanza. La valorizzazione degli operatori e l'alleanza con i cittadini sono alla base della proposta di servizi sanitari che da anni in Emilia Romagna rappresenta un'eccellenza che dobbiamo tutelare", concludono Filippi e Dalmastri.