Fondazione biomedica Lombardia, ok a Piano azione 2022 da 27,6 mln

  • Univadis
  • Attualità mediche
L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano L'accesso ai contenuti di questo sito è riservato agli operatori del settore sanitario italiano

Milano, 14 giu. (Adnkronos Salute) - La Giunta regionale della Lombardia, su proposta della vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti, ha approvato il Piano d'azione 2022 della Fondazione regionale per la ricerca biomedica (Frrb), prevedendo risorse per 27,6 milioni di euro: 26 milioni per bandi sulla ricerca, e 1,6 milioni per il funzionamento della Fondazione. I destinatari sono l'Azienda regionale emergenza urgenza (Areu), le Ats, le Asst e gli Irccs di diritto pubblico e privato; anche le università e gli organismi di ricerca pubblici o privati potranno partecipare ai bandi come partner di progetto. L'obiettivo del piano è il sostegno all'innovazione e alla ricerca clinica e gestionale nel Servizio sanitario regionale, per migliorarne la capacità di assistenza e cura.

"La Lombardia è storicamente territorio di alta ricerca, la Fondazione rappresenta un'eccellenza. Per questo vogliamo continuare a valorizzare questo importante ambito", afferma Moratti.

La Frrb - ricordano da Palazzo Lombardia - nasce nel 2011 per volere della Regione, per promuovere e valorizzare la ricerca scientifica nel settore delle scienze della vita sul territorio lombardo, in particolare in ambito biomedico, migliorando l'assistenza e cura del paziente. E' impegnata a sostenere la ricerca biomedica con risorse sia proprie sia europee, finanziando progetti innovativi che abbiano un impatto positivo sul sistema sanitario lombardo e sui cittadini. Attraverso la Frrb la Lombardia ha deciso di puntare fortemente su alcuni temi fondamentali: la medicina personalizzata, quale strumento in grado di porre l'individuo e i suoi fabbisogni al centro delle cure; la ricerca sulle malattie rare; la ricerca traslazionale sul cancro; la lotta alla resistenza antimicrobica; i big data for health. Con il progetto 'Tittan Cov 2', la Fondazione e i suoi partner lavoreranno anche sull'identificazione di buone pratiche o procedure implementate sui territori regionali durante la fase della pandemia.